Strategia per Attività Fisica Adattata-Attività Fisica-Adattata-Esercizio-Fisico-Adattato-Attività motoria-Benessere-salute-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

 Attività Fisica Adattata: Strategia

Lo Staff del Prof. Carmelo Giuffrida promuove la buona salute per tutti e per tutte le fasce di età attraverso la cultura del movimento recependo le strategie dettate dall’OMS-Organizzazione Mondiale della Sanità 2016–2025 coniugando l’Attività Fisica Adattata, l’educazione, l’ambiente, il benessere e i diritti di cittadinanza. Lo Staff dello Studio si mette a disposizione di tutti per affermare nella società una nuova cultura di sani e attivi stili di vita cercando di contribuire a creare una comunità più efficiente e salubre operando con un grande gioco di squadra. Per riu­scirci ed essere efficaci l’Equipe ha deciso di farlo con iniziative interset­toriali che coinvolgano le reti sociali (vera ricchezza dell’Italia nel rapporto sussidiario con le politiche pubbliche), insieme a tutti quei soggetti che operano nei settori limitrofi, sfruttando le loro preziose competenze. La società civile, gli Enti di promozione spor­tiva, le istituzioni a tutti i livelli, da quello territoriale dei Comuni e della Regione, alle Scuole. Il progetto “Physical Activity e He­alth Promotion” e la campagna per 100 milioni di cittadini europei in più attivi nello sport e nell'attività fisi­ca entro il 2020 insieme ad altre attività e progetti promossi insieme all’ISCA come ActiveVoice, ImpalaNet e l’evento annuale della MOVE WEEK rappresentano la proiezione e l’impegno cruciale della promozione dell’attività fisica è il target della nostra mission per realizzare la professionalità acquisita con il lavoro di tanti anni e un contributo al miglioramento della qualità della vita di coloro che si rivolgono alle attenzioni del nostro Staff.
Scienze motorie-Attività fisica-adattata-esercizio-fisico-adattato-sport-attività motoria-palestra-nutrizione-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

OGGI E DOMANI DELLE SCIENZE MOTORIE IN SICILIA

Attività Fisica Adattata: Dottori in Scienze Motorie riuniti…
ginnastica posturale

Menisco: Ginocchio e sovraccarico articolare in esiti di meniscectomia

Il menisco del ginocchio è una struttura fibrocartilaginea di forma semilunare. Nel ginocchio si distingue il menisco interno e quello esterno che trovano collocazione tra il femore e la tibia.Nella fase post-meniscectomia, le alterazioni della distribuzione dei carichi bio-meccanici e la trasmissione meccanica influenzano la modificazione della densità dell’osso sub-condrale per effetto delle variazioni delle sollecitazione meccaniche che vi si esercitano. Le aree isodense mostrano un pattern ripetitivo caratterizzante l’estensione e la sede dei ginocchi meniscectomizzati. Nel ginocchio normo-funzionale, medialmente, si rileva un’area di massima densità localizzata al centro del condilo mentre le altre zone isodense sono disposte concentricamente per diminuire fino a sparire procedendo distalmente. Nel meniscectomizzato l’area di densità ossea diventa più larga con una localizzazione posteriore: si può rilevare una corrispondente diminuzione dell’estensione delle aree sottoposte al carico. I menischi rivestono un ruolo di primaria importanza nella bio-meccanica articolare del ginocchio poiché trasmettono almeno il 50% del carico articolare.L’obiettivo dell’Attività Fisica Adattata – A.F.A., deve essere quello di fare riacquistare, con un procedimento corticale e volontario, i gesti motori perduti affinché si possa ottenere, da un procedimento abituale, l’apertura per una stimolazione che risvegli l’intero sistema propriocettivo. La tecnica della rieducazione funzionale e dell’atletizzazione deve prevedere la ri-elaborazione degli schemi motori che portano l’articolazione traumatizzata attraverso la volèe afferente alla riacquisizione della corretta configurazione spaziale e al riequilibrio della formazione primaria del tono mio-fasciale: esercizi di facilitazione neuro-muscolare per ristabilire la coscienza del movimento vengono seguiti da stimolazioni vibratorie peri-articolari dei recettori muscolari e tendinei; al miglioramento del trofismo muscolare e della motilità articolare seguiranno impegnativi lavori per gambe e piede utilizzando, con fantasia e creatività, biglie, fazzoletti, tavolette oscillanti, tavolette surf, pedane elastiche, percorsi, …