Scienze Motorie in sanità: all’Università di Catania se ne parla!

Scienze Motorie e attività motorie preventive e adattate in sanità

Ruolo delle attività motorie preventive e adattate in ambito sanitario nel contesto multidisciplinare

 

Postura-Master Posturologia-Prof. Carmelo Giuffrida-Università degli Studi-Catania

Catania, 4 Dicembre 2019 – Torre Biologica “Ferdinando Latteri” – Università degli Studi di Catania

 

Nell’Aula Magna della BIOMETEC dell’Ateneo Etneo si è svolto un seminario sul tema delle Scienze Motorie in ambito sanitario. Sono state presentate le esperienze maturate in Umbria confrontandole con ciò che è stato realizzato in Sicilia.

 

Sono stati chiamati  a discutere sugli annosi problemi legati alla Scienza dell’Esercizio Fisico e al suo utilizzo come “Farmaco” i protagonisti dell’esperienza umbra

attività motorie preventive e adattate-Prof.Giuseppe Musumeci-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

 

I lavori sono stati aperti dal Prof. Giuseppe Musumeci (Direttore del CRAM), Docente dell’Università di Catania, organizzatore e moderatore dell’evento. Lo stesso ha portato i saluti della Prof.ssa Giuseppina Cantarella (Presidente del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate) e del Prof. Rosario Giuffrida (Presidente del Corso di laurea in

Scienze Motorie) che non potevano essere presenti poiché impegnati in attività didattiche coincidenti.

 

Attività Fisica Adattata: spiegata anche ai Medici l’importanza di prescriverla e raccomandarne l’uso in ambiente altamente specializzato!

 

attività motorie preventive e adattate-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1Il Prof. Salvatore Salomone  (Direttore del BIOMETEC), nel porgere il saluto dell’Ateneo Etneo, ha fatto rilevare come il Dipartimento si senta vicino al tema del Seminario. La Sanità catanese necessita di un aiuto da parte delle Scienze del Movimento. Il Direttore della Torre Biologica ha ribadito che, spesso, durante le sue lezioni effettuate alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, raccomanda ai Medici e ai futuri Specializzandi l’importanza di prescrivere l’esercizio fisico come essenziale momento per migliorare la qualità della vita di persone affette da patologie non trasmissibili.

Il Prof. Salomone e il Prof. Musumeci hanno comunicato agli intervenuti che è stato riconosciuto 1 CFU relativo al Corso di Laurea di afferenza. Ciò sia per gli Studenti dei Corsi di laurea in Scienze Motorie e della Specialistica A.M.P.A., che per gli Studenti del Master di Posturologia e Scienze dell’Esercizio Fisico appartenenti all’Ateneo.

 

Esperienza dell’Associazione Nazionale Attività Motorie – ANAM in collaborazione con l’USL-1 dell’Umbria: ruolo delle Scienze Motorie

 

attività motorie preventive e adattate-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

L’esperienza maturata dall’Associazione Nazionale Attività Motorie – ANAM, in collaborazione con l’USL-1 dell’Umbria, è stata dettagliatamente presentata alle centinaia di Colleghi presenti.

attività motorie preventive e adattate-Dott. Marco Nulli-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1Nessuna sedia vuota e tantissimi partecipanti seduti sulle scale o in piedi, pur di ascoltare i contenuti dell’interessante seminario.  I dettagli di ben 3 anni di Scienze dell’Esercizio Fisico applicati a una serie di attività motorie ha permesso di capire cosa si può realizzare. Se il Sistema Sanitario mettesse a regime ordinario quanto esposto si avrebbe un enorme risparmio anche sulla spesa pubblica. I dati scientifici derivanti dallo studio triennale sono stati realizzati da Specialisti in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate nel corso dell’ultimo triennio presso l’Ospedale Media Valle del Tevere, l’Ospedale di Pantalla, e all’Ospedale Santa Maria della Misericordia.

 

Il libro “Un Sogno in Movimento”: testimonianza di efficacia dell’Attività Fisica Adattata

I Relatori, venuti da Perugia per l’occasione, sono stati: la Dott.ssa Barbara Sebastiani (con un video contenente i suoi saluti istituzionali), il Dott. Marcoattività motorie preventive e adattate-Seminario-sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3 Nulli, il Dott. Giuseppe Mordivoglia, la Dott.ssa Sara Cerquaglia e il Dott. Francesco Carbone.

L’occasione è stata propizia per presentare il Volume “Un sogno in movimento”, realizzato dalla stessa ANAM in collaborazione con l’USL1 dell’Umbria. Testimonianze, storie, racconti di esperienze sono presenti nel libro. Inoltre, la lettura “donata” di qualche passo toccante ha creato un momento di forte attenzione e silenzio. Gli Autori, infine, hanno fatto omaggio di una copia autografata al Prof. Giuffrida e al Prof. Musumeci.

A dissertare le argomentazioni su questa interessante e importante tematica, sono stati proprio i realizzatori di questo “Fiore all’Occhiello” della Regione Umbra. I 4 Relatori Umbri hanno dimostrato la professionalità dell’Operatore in Scienze Motorie e degli Specialisti in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate.

attività motorie preventive e adattate-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

 

La legislazione vigente in Sicilia e la realtà nella sanità siciliana

 

Il Prof. Carmelo Giuffrida ha illustrato la realtà siciliana e i contenuti della legge regionale n. 29 del 29 Dicembre 2014 con i suoi decreti attuativi e le circolari assessoriali che ne definiscono l’ordinamento giuridico. Inoltre, ha richiamato l’intera legislazione che regola la vita e le competenze professionali del Dottore in Scienze Motorie e delle tre lauree Specialistiche del settore. In realtà, non sono mancati particolari riferimenti alla quotidianità del Dottore in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate. Allo stesso modo, ha fatto emergere, problematiche inerenti la conduzione delle attività motorie in ambiente specializzato. In particolare, ha evidenziato la necessità di osservare le norme di sicurezza sul posto di lavoro e la prevenzione di incidenti con la dovuta assistenza all’Utenza.

 

La presenza dell’Unità Operativa Educazione e Promozione alla Salute Aziendale dell’ASP3attività motorie preventive e adattate-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-5

 

Per quanto riguarda la Sanità Pubblica si è evidenziato il contenuto del Piano di Prevenzione Nazionale e Regionale.

E’ intervenuto il Dott. Salvatore Cacciola nella sua qualità di Dirigente dell’Unità Operativa Educazione e Promozione alla Salute Aziendale dell’ASP3.

Il Dirigente ha spiegato che l’intervento dell’ASP3 comporta una serie di azioni inseribili nei vari programmi. Anche in Sicilia e a Catania si può fare ciò che si è realizzato in Umbria. Le attività proposte costituiscono un impegno per l’ASP che cerca di assolvere proprio questo compito.attività motorie preventive e adattate-Dott. Salvatore Cacciola-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1 Trattandosi di linee operative mai attuate prima si raccorderà nei prossimi giorni con il Prof. Musumeci (in rappresentanza dell’Ateneo Etneo) e con il Prof. Giuffrida (in rappresentanza dei Professionisti che operano sul Territorio della Provincia di Catania) per le determinazioni del caso. In particolare, si cercherà di coinvolgere i Dipartimenti e le U.O. così come prevede il PRP. Il progetto seguirà quanto già deliberato dalla Regione Siciliana che assegna alle ASP risorse (distinte per macro obiettivo) da destinare nella esecuzione del PRP.

La presentazione del Comitato Italiano Scienze Motorie

 

CISM-Dott. Giacomo Perticone-Seminario-sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Compito del Dott. Giacomo Perticone è stato quello di presentare il CISM – nella sua qualità di Vice-Presidente del maggiore Comitato di categoria che opera sul territorio nazionale nell’interesse delle Scienze Motorie.

Per spiegare gli intenti del Comitato Italiano Scienze Motorie si è avvalso di alcune interessanti slides che riassumevano le problematiche comuni della Categoria.

 

Il SISMES e il Gruppo AMASF

attività motorie preventive e adattate-Seminario-Attività Fisica Adattata in sanità siciliana-Università di Catania-Repertorio Studio Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-6

 

La giornata di Studio si è conclusa con la presentazione agli Studenti intervenuti del SISMES e del Gruppo AMASF da parte del Prof. Giuseppe Musumeci.

 

 

Data la tarda ora si è tenuta una breve “Tavola Rotonda”.

Pertanto, un momento di Question Time finale ha raccordato gli intervenuti chiarendo dubbi e criticità sorte nel corso delle esposizioni. Come tale, a questo momento non sono mancate le domande che si sono prolungate con le relative risposte anche nei corridoi da parte dei più attivi convenuti.

 

 

 

 

#attivitàfisicaadattatamultidisciplinareinambientesanitarioacatania #universitàdeglistudidicatania #unitàoperativaeducazioneepromozioneallasaluteaziendaleasp3 #masterinposturologiaescienzedell’eserciziofisico

* fonti fotografiche acquisite con mezzi propri o su Facebook durante il pubblico seminario.

Tumori e attività fisica adattata-Studi catanesi al PLACE 2019-Roma-Prof. Carmelo Giuffrida-Dott. Giuliano Giuffrida-Catania

CANCRO E ATTIVITA’ FISICA: Uno studio condotto a Catania

CANCRO E ATTIVITA’ FISICA ADATTATA: uno studio sui tumori condotto a Catania da Ricercatori delle Scienze dell’Esercizio Fisico presentato dal Prof. Carmelo Giuffrida

cancro e attività fisica adattata-PLACE-2019-Roma-Prof.Carmelo Giuffrida-Dott. Giuliano Giuffrida-Studio-Catania-1

 

All’8° Edizione  di PLACE  – Platform of Laboratories For Advances in Cardiac Experience

nella sessione di CARDIONCOLOGIA

 

Nell’Auditorium della Tecnica del Centro Congressi di Confindustria si è svolto il summit che riunisce tantissimi illustri professionisti di fama mondiale: l’8° edizione del PLACE  – Platform of Laboratories For Advances in Cardiac Experience!

Il Prof. Carmelo Giuffrida, “Ricercatore” catanese, ha considerato un grande privilegio l’invito ricevuto dagli organizzatori.

Da tempo è un forte sostenitore dei benefici indotti dall’Attività Fisica.

Ha approfittato dell’occasione per spiegare come l’Esercizio Fisico può ridurre alcuni effetti collaterali della patologia tumorale e delle terapie oncologiche.

L’Azione della Fisiologia dell’esercizio sulle patologie oncogene deve essere avviata preventivamente o dopo la fase acuta, una volta ottenuta la stabilità.

In particolare, l’attività motoria svolta con frequenza regolare, praticata complessivamente con giudizio e in forma adeguata alle proprie specifiche capacità fisiche, contribuisce a ritrovare la gioia di vivere.

Gli elementi tecnici e scientifici sapientemente applicati possono apportare significativi benefici all’Utenza finale con enorme vantaggio psico-fisico e benessere.

In primo luogo, le importanti basi della ricerca confluiscono in una Review delle Evidenze scientifiche internazionali. Gli studi sono finalizzati alla pratica applicativa dell’Attività Fisica Adattata (A.F.A.).

cancro e attività fisica adattata-PLACE-2019-Roma-Prof.Carmelo Giuffrida-Studio-Catania-2Una grande quantità di dati scientifici affermano e provano che l’attività fisica regolare e di intensità adeguata alle capacità individuali è un fattore di primaria importanza per prevenire l’insorgenza di numerose patologie cronico degenerative definite Malattie Non Trasmissibili – Non Communicable Diseases.

L’esercizio fisico, quindi, riduce la morbilità e la mortalità per diverse malattie di grande rilevanza sociale come la cardiopatia ischemica, l’ipertensione, il diabete, l’obesità, l’osteoporosi, la depressione ed alcune forme tumorali.

 

Cancro e Attività Fisica Adattata al PLACE 2019: Prevenzione e Protezione

 

Il rischio oncologico in Italia è elevato. I numeri peggiori sono detenuti dal Bel Paese che è il fanalino di coda in Europa per l’attività fisica.

L’attività fisica esercitata costantemente nel tempo influisce positivamente su una vastissima gamma di parametri fisiologici costituendo una forma di prevenzione nei confronti di numerose patologie derivanti dalla sedentarietà. Quindi, l’allenamento ben definito da volumi, carico e intensità, proporzionalmente alla sua intensità e durata, può determinare un aumento dei radicali liberi per effetto di vari fattori:

– l’incremento del consumo di ossigeno,

– l’aumento dei fenomeni di ischemia-riperfusione nei tessuti muscolari,

– l’autossidazione delle catecolamine (gli enzimi antiossidanti endogeni ed esogeni che sfruttano i complessi ed efficienti sistemi di auto-protezione rispetto ai radicali liberi),

– il rilascio di metalli,

– l’attivazione dei leucociti neutrofili.

cancro e attività fisica adattata-PLACE-2019-Roma-Dott.Giuliano Giuffrida-Dott. Emanuele Giuffrida-Studio-CataniaRiflettendo sul tema del cancro e sulle possibili relazioni con l’Attività Fisica Adattata in termini di prevenzione si possono evidenziare alcune variabili metaboliche. Queste sono legate agli ormoni sessuali e all’insulina plasmatica, elementi determinanti nel legame tra tumore e stile di vita!

La letteratura mondiale si è arricchita di una enorme bibliografia che dimostra ampiamente come l’attività motoria razionale incrementa i livelli di proteine seriche, il numero dei leucociti, dei monociti, dei granulociti, dei linfociti (ed essenzialmente dei natural-killers e dei rapporti helper/suppressor).

Al contrario, un’attività fisica di grande intensità, in modo contro-produttivo e fortemente lesivo, induce una immuno-soppressione del sistema immunitario con gravi deficienze sulla resistenza alle infezioni, alle patologie e al cancro.

 

Uso un “FARMACO” potentissimo: l’Esercizio Fisico Adattato al PLACE 2019 !

 

Le linee guida internazionali indicano che l’esercizio in regime aerobico è in grado di indurre una riduzione di mortalità per tutte le malattie, tumori compresi, se prescritta come un farmaco indicando il tipo di tecnica, la dose e la durata, l’intensità e la frequenza degli esercizi, misurando e monitorando l’intero piano di lavoro adattato alla persona che richiede la prestazione di Attività Fisica Adattata.

Gli studi tecnici sin qui condotti partono dalla necessità di comprendere i meccanismi cellulari e molecolari legati ai benefici per la salute indotti dai fattori fisici dipendenti da attività motoria e su come l’esercizio fisico può influire sulla regolazione del micro-ambiente tumorale.

L’analisi dell’integrità e la composizione del micro-ambiente tumorale è altamente plastico, sottoposto a un costante rimodellamento in risposta a segnali istruttivi derivanti da alterazioni della disponibilità e della natura dei fattori ospitanti sistemici: risente in modo direttamente proporzionale dell’esposizione tipologica dello stile di vita e di fattori modificabili come l’esercizio fisico.

 

Tumore e Attività Fisica Adattata al Place 2019: il movimento è la soluzione vincente!

cancro e attività fisica adattata-PLACE-2019-Roma-Prof.Carmelo Giuffrida-Dott. Giuliano Giuffrida-Studio-Catania-3

L’Attività Fisica Adattata è un potentissimo “FARMACO” e offre molto più di una semplice opportunità.

A dire la verità, le evidenze scientifiche e gli studi approvati dalle Comunità Scientifiche internazionali concordano tutti nell’affermare con forza che è possibile ridurre il rischio di alcuni tipi di tumore. Ma per farlo, occorre praticare regolarmente l’esercizio fisico condotto in regime aerobico ed osservare parametri ben precisi.

Esattamente come si fa con l’uso di un farmaco, l’esercizio deve essere dosato e somministrato in quantità corretta, con qualità superiore a ciò che abitualmente si può reperire in un mercato di avventati occasionali “professionisti” del fai da te: bisogna affidarsi alle attenzioni di Specialisti del settore che sono stati opportunamente formati presso gli Atenei Universitari.

In realtà, gli Studi scientifici confermano l’utilità dell’attività fisica (… e non dello sport, che è ben altra cosa!) moltiplicando le conferme dei benefici derivabili da un buon piano di lavoro mirato sulle esigenze del singolo soggetto oncologico.

 

Tumore e Attività Fisica Adattata: la Prevenzione è l’arma vincente!

 

La prevenzione è l’arma più efficace nella lotta contro il cancro, soprattutto se si usa uno stile di vita più aderente alla natura:

  • rispetto dei cicli circadiani e dei ritmi vitali,
  • riduzione delle condizioni di di-stress,
  • dieta alimentare adeguata evitando agenti chimici e industriali.

Modificando lo stile di vita, si può ridurre l’incidenza dei tumori grazie a una regolare attività motoria.

 

Le capacità inibitorie più accreditate a favore dell’Attività Fisica Adattata contro il cancro

I contenuti degli studi catanesi al PLACE 2019

 

Le capacità inibitorie indotte dall’esercizio fisico ritenute più evidenti sono :

  • Capacità riduttiva-resistente all’insulina per cui i picchi di iper-insulinemia sembrano costituire un fattore elevato di rischio a causa della presenza di recettori insulinici in molti tumori.
  • Aumento dei linfociti di tipo T – responsabili della distruzione delle cellule cancerose contribuiscono alla regolazione di altri sistemi immunitari (con l’A.F.A. si previene la diminuzione dei linfociti tipo T che con la senescenza tendono a diminuire).
  • Incremento degli interferoni Alfa, Beta e Gamma che, grazie agli effetti dell’A.F.A., potenziano l’attività anti-virale e potenziano la risposta immunitaria dell’organismo.
  • Aumento delle capacità fagocitarie dei monociti e dei macrofagi che, tra le funzioni a cui sono demandate, c’è anche quella della distruzione delle cellule cancerogene.
  • Miglioramento dell’utilizzazione della vitamina C quale anti-cancerogeno.

Inoltre,

 

  • l’incremento dei livelli ormonali dei cortico-steroidi prodotti con l’A.F.A. produce ipoglicemia e, di conseguenza, una riduzione della secrezione di insulina;
  • la produzione di citochine determinata dall’A.F.A. produce una compartecipazione difensiva per ottenere una buona funzionalità organica;
  • una riduzione dell’età biologica;
  • maggiore capacità reattiva ed energetica;
  • incremento della capacità di concentrazione intellettiva;
  • miglioramento delle capacità mnemoniche;
  • riduzione dei disturbi caratterizzanti la senescenza.

 

Gli studi condotti a Catania che mettono in relazione Cancro e Attività Fisica Adattata, dimostrano come l’esercizio fisico (e non lo sport!) può essere capace di prevenire l’evento oncologico. L’attività motoria aiuta a modulare il sistema immunitario da cui dipende, a sua volta, la modulazione della patologia oncologica. In particolare, riduce le probabilità di recidive e abbassa sensibilmente il tasso di mortalità.

 

Cancro e Attività Fisica Adattata al Place 2019: ruolo protettivo determinato dall’esercizio aerobico

 

cancro e attività fisica adattata-PLACE-2019-Roma-Prof.Carmelo Giuffrida-Studio-CataniaL’Attività Fisica Adattata (A.F.A.) svolge un ruolo protettivo nei confronti dello sviluppo del cancro al seno, al colon, ai polmoni e alla prostata.

Il rischio patologico diminuisce in maniera proporzionale alla frequenza dell’esercizio fisico adattato.

Pertanto, le modifiche alimentari e l’attività fisica costituiscono l’arma più efficace nella prevenzione tumorale.

 

La prevenzione primaria consigliata dal Prof. Carmelo Giuffrida si allinea con quella delle linee guida dell’O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità):

  • Un basso consumo di grassi – max il 20% dell’ingestione calorica totale con la dieta;
  • Congruo consumo di fibre vegetali (almeno 25 grammi di fibra al dì);
  • Evitare il sovrappeso somatico;
  • Evitare il fumo;
  • Svolgere una costante adeguata Attività Fisica quotidiana;
  • Condurre una vita in ambiente con scarso inquinamento ambientale e atmosferico;
  • Effettuare indagini di Medicina Preventiva per ottenere diagnosi precoci delle patologie.

Tumore e Attività Fisica Adattata al PLACE 2019:

utile l’ambiente specializzato e Professionisti ben formati

 

Nel complesso, l’esercizio fisico somministrato in ambiente altamente specializzato aiuta a controllare il peso corporeo (ha una relazione strettissima con il rischio tumorale). Inoltre, influenza gli aspetti del metabolismo legati ai meccanismi di insulino-resistenza. Infine, induce benefici sulla modulazione del sistema nervoso autonomo e si correla con le malattie cardiovascolari e con il controllo immunologico.

 

Il movimento, da soli, in coppia, outdoor o in ambiente artificiale protetto, purché seguito ed assistito da Tecnici specializzati, è una soluzione positiva! E’ la soluzione che consente di operare una esperienza utile per ritrovare se stessi.


CONTATTI

Se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

 

 

#cancroeattivitàfisicaacatania #tumorieattivitàfisicaacatania #neoplasieacatania #tumoriacatania #mastectomiaacatania #isterectomiaacatania #cancroalsenoacatania #attivitàfisicainoncologiaacatania

Ruolo delle Scienze Motorie in ambito sanitario: aggiornamenti

Ruolo delle Scienze Motorie in ambito sanitario: aggiornamenti

Ruolo delle Scienze Motorie: aggiornamenti sul tema in ambito sanitario nel contesto multidisciplinare

 

Catania, 4 Dicembre 2019

Torre Biologica “Ferdinando Latteri” dell’Università degli Studi di Catania: appuntamento immancabile!

 

L’aula magna della Torre Biologica “Ferdinando Latteri” dell’Università degli Studi di Catania sarà il luogo predisposto per discutere sugli scenari di annosi problemi legati alla Scienza dell’Esercizio Fisico e al suo utilizzo come “Farmaco”.

Postura-Master Posturologia-Prof. Carmelo Giuffrida-Università degli Studi-Catania

I lavori saranno presentati dal Prof. Giuseppe Musumeci (Direttore del CRAM). Il Prof. Salvatore Salomone  (Direttore del BIOMETEC) porgerà il saluto dell’Ateneo Etneo insieme alla Prof.ssa Giuseppina Cantarella (Presidente del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate) e al Prof. Rosario Giuffrida (Presidente del Corso di laurea in Scienze Motorie).

 

Esperienza dell’Associazione Nazionale Attività Motorie – ANAM in collaborazione con l’USL-1 dell’Umbria: ruolo delle Scienze Motorie

 

L’esperienza maturata dall’Associazione Nazionale Attività Motorie – ANAM in collaborazione con l’USL-1 dell’Umbria verrà comunicata, a titolo di esempio nei suoi dettagli. Ciò, insieme ai dati scientifici derivanti da uno studio triennale realizzato da Specialisti in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate nel corso di un triennio presso l’Ospedale Media Valle del Tevere.

L’occasione sarà propizia per presentare anche il Volume “Un sogno in movimento” realizzato dalla stessa ANAM in collaborazione con l’USL1 dell’Umbria.

A dissertare le argomentazioni su questa interessante e importante tematica che coinvolge la professionalità dell’Operatore in Scienze Motorie e degli Specialisti in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate saranno proprio i realizzatori di questo “Fiore all’Occhiello” e che verranno appositamente da Perugia. In particolare, saranno presenti: la Dott.ssa Barbara Sebastiani, il Dott. Marco Nulli, il Dott. Giuseppe Mordivoglia, la Dott.ssa Sara Cerquaglia e il Dott. Francesco Carbone.

Il Prof. Carmelo Giuffrida illustrerà la realtà siciliana e i contenuti della legge regionale n. 29 del 29 Dicemre 2014 con i suoi decreti attuativi e circolari assessoriali che ne definiscono l’ordinamento giuridico.

Il Prof. Giuseppe Musumeci, organizzatore di questo evento e da ottimo “Padrone di casa”, sarà certamente un impeccabile Moderatore. A lui, oltre a coordinare il lavori, spetterà la presentazione del SISMES e del Gruppo AMASF.

Invece, sarà compito del Dott. Giacomo Perticone presentare il CISM – una delle maggiori associazioni di categoria che opera sul territorio nazionale nell’interesse delle Scienze Motorie, in qualità di Vice-Presidente.

La giornata di Studio sarà conclusa con una “Tavola Rotonda” e un momento di Question Time finale che raccorderà gli intervenuti e chiarirà ulteriormente le criticità che sorgeranno nel corso delle discussioni.

Agli Studenti dei Corsi di laurea in Scienze Motorie e della Specialistica A.M.P.A intervenuti verrà riconosciuto 1 CFU relativo al Corso di Laurea di afferenza.

Aggiornamenti sul ruolo del laureato in Scienze Motorie

 

 

 

 

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania

CONVENZIONE CON L’UNIVERSITA’ DI CATANIA

RINNOVATA LA CONVENZIONE CON L’UNIVERSITA’ DI CATANIA PER TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO

 

Denominazione: Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida

Repertorio: AT/00/06285/ST/0571/19

Settore: Salute

Comune: Catania (CT)

Stipula: 18/04/2019 – Scadenza: 17/04/2022

 

Rinnovata la convenzione tra l’Università degli Studi di CataniaConvenzione-tirocinio-formativo-orientamento-UniCT-Università degli Studi-Studio-Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-1, rappresentata dal Rettore pro tempore, e l’Azienda/Ente Prof. Dott. Carmelo Giuffrida, “soggetto ospitante”, rappresentata dal Prof. Dott. Carmelo Giuffrida, con sede in Via Corvello 37, Catania (CT)

 

Gli Studenti Universitari possono frequentare i tirocini formativi e di orientamento disciplinati dall’art. 18 della legge 24 giugno 1997 n. 196 e dal regolamento emanato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale, di concerto con il Ministero della Pubblica istruzione e con il Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica con decreto del 25 marzo 1998, n.142.

Questo decreto interministeriale, all’art. 4, prevede che i tirocini sono svolti sulla base di convenzioni stipulate tra i soggetti promotori e i datori di lavoro pubblici e privati e che le Università promuovono tirocini curriculari da svolgere durante il periodo di frequenza dei corsi di studio o di formazione, a favore dei propri studenti iscritti ai corsi di qualunque livello con la finalità di affinare il processo di apprendimento e di formazione, anche se non direttamente in funzione del riconoscimento di crediti formativi universitari (CFU);

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania

La convenzione

 

La convenzione regola i rapporti tra “l’Università” e il “soggetto ospitante” concernenti l’attivazione di:

• tirocini curriculari in favore di studenti di corsi di laurea, laurea magistrale, ed equivalenti dei precedenti ordinamenti, dottorato di ricerca, scuole o corsi di perfezionamento e specializzazione, master di I e di II livello;Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-2

• tirocini di formazione e orientamento non curriculari entro il termine previsto dalla normativa vigente.

 

In particolare, il “soggetto ospitante” si impegna ad accogliere presso le proprie strutture soggetti sopra indicati per l’espletamento di tirocini formativi e di orientamento, ai sensi dell’art. 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196.

 

I programmi di tirocinio formativo curriculare e di orientamento

 

PConvenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-3

I programmi di tirocinio formativo curriculare e di orientamento al lavoro post laurea, concordati da entrambe le parti, hanno come oggetto l’acquisizione nella pratica della conoscenza di realtà economiche e produttive al fine di integrare il percorso accademico dello studente nonché di agevolare la scelta professionale del laureato.

I rapporti che il soggetto ospitante intrattiene con i tirocinanti non costituiscono, ai sensi dell’art. 18, comma 1, lettera d), della legge 196 del 1997, rapporto di lavoro.

Il tirocinio ha natura formativa e, pertanto, non può comportare l’assunzione di alcuna responsabilità in merito alle attività svolte.

 

Lo svolgimento del tirocinio è seguito e verificato

da un docente universitario (tutor didattico) e da un tutor aziendale

 

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-4

Il soggetto ospitante si riserva di trasmettere all’Università le proprie disponibilità di tirocinio ai sensi dell’art. 1, comma 3, del d.m. n. 142/98 con le relative caratteristiche di massima e, in applicazione d.lgs. 196/2003, si impegna a non diffondere in alcun modo i dati ricevuti ed ad utilizzarli solo ai fini della presente convenzione.

Durante lo svolgimento del tirocinio, l’attività è seguita e verificata da un docente universitario (tutor didattico) e da un tutor aziendale, indicato dal soggetto ospitante.

 

Bisogna predisporre un progetto formativo e di orientamento

 

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-5

Nel rispetto e richiamo della convenzione, per ogni singolo tirocinio da questa derivante, il soggetto ospitante e l’Università predispongono un progetto formativo e di orientamento, secondo lo schema di cui all’allegato A, per i tirocini curriculari e di cui all’allegato B, per i tirocini post lauream.

Il soggetto ospitante, in ottemperanza a quanto previsto dalla legge 296/2006 (Finanziaria 2007) per l’attivazione dei tirocini post laurea, è tenuto ad effettuare la comunicazione obbligatoria telematica.

L’Università è tenuta a trasmettere copia della presente convenzione e del progetto formativo e di orientamento alla Regione, alla struttura territoriale del Ministero del lavoro e della previdenza sociale competente per territorio in materia di ispezione nonché alle rappresentanze sindacali aziendali ovvero in mancanza, agli organismi locali delle confederazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

 

Il tirocinante è assicurato contro gli infortuni sul lavoro presso l’INAIL

 

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-6L’Università, in conformità ai disposti di cui d.m. n.142/1998, assicura il tirocinante contro gli infortuni sul lavoro presso l’INAIL. Per la responsabilità civile assicura presso una compagnia assicurativa operante nel settore, i cui estremi identificativi saranno indicate nel progetto formativo e di orientamento.

In caso di infortunio durante lo svolgimento del tirocinio, il soggetto ospitante si impegna a segnalare l’evento, entro i tempi previsti dalla vigente normativa, agli istituti assicurativi (quali risultanti dal progetto formativo e di orientamento) e all’area del provveditorato e del patrimonio mobiliare dell’Università.

 

Impegni dello Studio del Prof. Dott. Carmelo Giuffrida:

 

• rispettare il progetto formativo e di orientamento di cui al precedente art. 5;

• segnalare all’Università qualsiasi variazione (proroga, sospensione, interruzione anticipata, cambio della sede di svolgimento del tirocinio) nella durata del tirocinio indicata sul progetto formativo e di orientamento e qualsiasi evento inerente il tirocinante (assenze, comportamenti lesivi dei diritti o degli interessi del soggetto ospitante).

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-7
Il soggetto ospitante si rende disponibile, ove possibile, a consentire ai tirocinanti l’utilizzo di servizi aziendali (mensa, trasporto, etc.). Il soggetto ospitante, peraltro, potrà erogare eventuali somme a titolo di rimborso spese e, nel caso di tirocini post lauream, dovrà riconoscere ai tirocinanti una congrua indennità in relazione alla prestazione svolta.

Le superiori erogazioni non possono determinare modifiche alla natura del rapporto oggetto della convenzione, o facoltà o diritti ulteriori o diversi da quelli previsti dalla convenzione stessa e dalle relative disposizioni normative.

Il soggetto ospitante si impegna a garantire al tirocinante un’efficace informazione ai fini della prevenzione antinfortunistica, nonché la fornitura dei mezzi di protezione eventualmente necessari. S’impegna, inoltre, a garantire al tirocinante le condizioni di sicurezza e igiene previsti dalla normativa vigente sollevando da qualsiasi onere di verifica l’Università.

 

La relazione finale redatta dallo studente e approvata dal tutor didattico e dal tutor aziendale va sottoposta alla valutazione dell’apposita commissione nominata dal Consiglio di corso

 

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-8Per i tirocini curriculari, l’Università, ai sensi dell’art.18, comma 8, del Regolamento didattico di Ateneo, sottopone la relazione finale redatta dallo studente e approvata dal tutor didattico e dal tutor aziendale alla valutazione dell’apposita commissione nominata dal Consiglio di corso di studio per il rilascio degli eventuali crediti formativi universitari.
Per i tirocini post lauream, l’Università e il soggetto ospitante si impegnano a rilasciare congiuntamente a conclusione del tirocinio la dichiarazione delle competenze. Ciò sarà redatta secondo lo schema di cui allegato C, previa compilazione del questionario di valutazione secondo il modello previsto.

Convenzione-Università degli Studi di Catania-Studio Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-9L’attuazione del tirocinio non comporta per il soggetto ospitante e per l’Università alcun onere finanziario, né obblighi d’altra natura, salvo quelli assunti con la presente convenzione.
Il tirocinio può essere interrotto in qualunque momento con adeguato preavviso sia dal tirocinante che dal soggetto ospitante.

 

La convenzione ha validità di tre anni: scade nel 2022!

 

La convenzione ha validità di tre anni a decorrere dalla data della sua sottoscrizione. E’ rinnovabile, per la stessa durata, mediante richiesta, a mezzo raccomandata a/r da inviare almeno tre mesi prima della scadenza.

Le parti si danno reciprocamente atto che, nel periodo di vigenza della convenzione, entrambe avranno la facoltà di recedere, con comunicazione scritta da inviarsi all’altra parte, a mezzo raccomandata a.r., con preavviso di almeno tre mesi.

Il soggetto ospitante è tenuto a compilare e sottoscrivere la scheda anagrafica azienda/ente, allegata alla convenzione (allegato D) per farne parte integrante.

Per tutto quanto non espressamente previsto dalla convenzione, le Parti fanno riferimento alla legislazione vigente in materia.


CONTATTI

Se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per essere accettato a frequentare lo Studio in qualità di Tirocinante, avrà la possibilità di parlare con il responsabile del placement richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

Prescrizione di Esercizio Fisico: Lezione Magistrale all’Università di Catania

Prescrizione di Esercizio Fisico e Attività Sportive:

prescrizione di esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1all’Ateneo di Catania lezioni del Prof. Carmelo Giuffrida

 

Catania 26/27 Ottobre 2018

 

Presso il Master Universitario di I° Livello in “Posturologia Clinica e Scienze dell’Esercizio Fisico” tenuto nel corso dell’Anno Accademico 2017/2018 presso la BIOMETEC – Department of Biomedical and Biotechnological Sciences – dell’Università degli Studi di Catania, il Prof. Carmelo Giuffrida ha impartito due giornate di intense lezioni che vertevano su:

“Prescrizione di Esercizio Fisico e Attività Sportive”.

 

Le lezioni frontali di tipo teorico hanno affrontato parecchi aspetti pratici della professione:  si sono protratte per 16 ore e conferivano agli Studenti 2 CFU.

All’Università di Catania, gli Studenti del Master sono Medici, Dottori in Fisioterapia, Dottori in Scienze Motorie e Dottori Specializzati in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate (Specialisti A.M.P.A.) .

Agli attenti Studenti, interessati a particolari e ad esempi pratici di vita professionale quotidiana, non sono mancati i riferimenti del Docente e gli esempi.

Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Nuoto-scoliosi-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-8

 

 

 

Prescrizione di Esercizio Fisico e Attività Sportive

nelle Malattie Non Trasmissibili esercizio-sensibili

 

Le ore di lezione sono state rivolte alla valutazione funzionale dei più disparati casi e tipologie di soggetti con Malattie Non Trasmissibili esercizio-sensibili. Sono stati esaminati tutti i passaggi utili ed indispensabili da effettuare prima di procedere ad una qualsiasi “Prescrizione di Esercizio Fisico e Attività Sportive” e prima di indirizzare l’utenza alle Attività Motorie o di avviare alle Attività Sportive.

Sono stati approfonditi con dovizia di particolare tutti i momenti valutativi che interessano l’esame di un soggetto. Come si valuta la postura attraverso la Somato-stereo-analisi, partendo dall’icnogramma plantoscopico. Come si analizzano tutti i distretti somatici (complesso piede-caviglia, ginocchio, anca, bacino e arto inferiore nel suo insieme), colonna vertebrale e tronco compreso di arti superiori e complesso scapolo-omerale.

Particolare attenzione è stata posta nel mettere in relazione la postura dell’intero corpo con il rachide cervicale e con la testa. Ciò, per giustificare le risposte adattative sia dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM) che del complesso ioideo (compreso la deglutizione!) e le risposte neuro-vegetative dell’intero sistema.

Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3

Sono state sviscerati argomenti fondamentali che hanno interessato la prevenzione, l’educazione e la rieducazione posturale adattata anche in ambito sportivo. Inoltre, la prevenzione dei danni da attività motoria e dello sport agonistico, non agonistico e amatoriale, le correlazioni con i difetti posturali, la ri-atletizzazione, ecc…

Quindi, il Prof. Carmelo Giuffrida, ha saputo attrarre l’attenzione massima. Ha sapientemente spostato la sterilità della possibile stanchezza degli ascoltatori sulla corretta gestione della modalità del training motorio. Nessuno degli Studenti ha richiesto il consueto break ma hanno invitato il Docente a non fermarsi dalle spiegazioni.

 

“Project Work”

 

Non sono mancati i momenti di verifica e lo sviluppo di un “Project Work” per sintetizzare e dimostrare le capacità acquisite nel corso delle lezioni.

Si è precisato che:

  • L’Esercizio fisico è come un farmaco che deve essere somministrato con dose corretta e giusta qualità;
  • L’Attività Fisica deve essere personalizzata e individualizzata adattandola alle esigenze dello specifico Utente;
  • Ben … Essere: equivalente di Well Being!
  • Competenze: quali sono necessarie per rispondere alle richieste di mercato che chiede Salute ed Efficienza?
  • Piano di trattamento: quali contenuti valutativi (valutazione funzionale) e quali scelte tecniche (esercizi e Metodi);
  • Qualità e Stile di vita: intervento professionale.

In modo dettagliato e preciso, l’appassionato Docente ha denotato come l’attività motoria produce effetti positivi sostanziali e duraturi che riguardano le grandi funzioni organiche migliorando nettamente:

  • funzione cardiaca,
  • pressione arteriosa,
  • metabolismo lipidico e glucidico,
  • rapporti tra massa muscolare e adiposa,
  • tono mio-fasciale,
  • capacità motorie di base e specifiche dell’equilibrio,
  • psicologici con netti miglioramenti dell’auto-stima e dell’umore,

inoltre,

  • contribuisce in maniera rilevante all’integrazione sociale,
  • alla creazione di nuovi legami di amicizia e di solidarietà.

 

L’allenamento è come un farmaco

 

Tutti i presenti hanno concordato e bocciato i “consigli” elargiti agli assistiti di “andare in palestra” senza fornire alcuna indicazione specifica e affidando al caso la scelta di professionisti del movimento: al “Professionista del Fai da TE” e al Chiunque (senza aver mai frequentato un ateneo universitario!) dovrebbe essere bandita l’apertura e la gestione di una palestra, di somministrare esercizio fisico e il dichiararsi esperto in fitness metabolico, in cardio-vascolare, in prevenzione, in compensazione, in attività adattata e compensativa, …

Da ciò scaturiva che l’allenamento è come un farmaco e al generico “faccia un pò di esercizio fisico” o “vada in palestra” deve essere sostituito un corretto dosaggio, per evitare insuccessi o overtraining, finalizzandone i contenuti in modo razionale offrendo risposte ai bisogni delle persone che oggi non trovano adeguata copertura, con interventi appropriati e sostenibili nell’ambito di una integrazione professionale e organizzativa fra Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera Scelta e Medico Specialista (Medico dello sport, Cardiologo, Diabetologo, Fisiatra, Ortopedico, …) con il Dottore in Fisioterapia (per i soggetti in fase acuta) o col Dottore in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate (Specialista A.M.P.A.).

Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4Nel precisare che la somministrazione dell’attività fisica dovrebbe avvenire in situazioni organizzate o in strutture specificamente attrezzate, contraddistinte da una buona gestione complessiva, facilmente accessibili e con modalità tali da assicurare una elevata compliance al percorso proposto, il Prof. Giuffrida ha spiegato anche le normative vigenti che interessano le competenze specifiche delle varie figure professionali presenti che, spesso, entrano in conflitto per carenza di informazioni legislative. La conflittualità è stata superata facilmente con lo studio delle leggi che regolamentano la materia e, per quanto riguarda la Regione Sicilia, sui comportamenti indispensabili derivanti dagli effetti della Legge 29 del 29.12.2014 e successive norme di attuazione, soffermandosi sulle responsabilità del Direttore Tecnico.

Prescrizione di esercizio fisico: Il tema scottante della Scoliosi!

 

Le giornate di Studio si sono avviate alla conclusione con l’analisi dei protocolli più comuni e, su richiesta degli stessi Corsisti, sul tema scottante della Scoliosi!

Il Docente ha, opportunamente, fornito ampie spiegazioni sulle tecniche di espletamento di esercizio fisico in acqua, sulla fluidodinamica e sulla biomeccanica applicata all’apparato locomotore immerso in un fluido indipendentemente dalle sue proprietà organolettiche e, in particolare, in relazione al concetto di materia.Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Nuoto-Scoliosi-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-5

Analizzando i pro e i contro delle ricorrenti prescrizioni del Nuoto come sport che dovrebbe correggere le curve rachidee paramorfiche ne spiegava, nei particolari, come ciò è un uso assolutamente improprio e ingiustificato, e come la scelta indirizzata verso il nuoto non è affatto una Panacea!

Puntualizzando che l’essere umano è un animale terrestre “progettato” per vivere ed espletare tutte le sue funzioni sulla terraferma ma capace di adattarsi all’ambiente acquatico.

Le premesse epistemiologiche di un qualsiasi “somministratore” di esercizi devono, innanzitutto, fare sorgere il concetto di cosa si può apprendere in acqua e come si apprende un gesto motorio in acqua declinando le convinzioni, le esperienze e i metodi che non trovano fondamento scientifico a favore dello specifico compito di seguire le regole che governano l’ambiente acquatico!

 

Idrologia e Fisio-Climatologia

 

Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Nuoto-scoliosi-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Tra gli stereotipi culturali che derivano dalla tradizione dell’idrologia e della fisio-climatologia sorgeva immediata la problematica legata alla temperatura e alla resistenza dell’acqua.

All’effetto anti-spastico, che assume un ruolo di inutile magia sospingeva il lavoro in acqua come disciplina irregolare, i cui risultati portano all’impossibilità di corrette opinioni se non quelle di aver seguito una moda o un luogo comune.

Nell’ambito dell’apprendimento motorio in acqua, il Prof. Giuffrida faceva notare come è di primaria importanza la caratteristica dell’acqua per affermare il passaggio dalla terraferma al fluido.  Con ampia capacità conoscitiva spiegava il passaggio esistente dal dominio del peso al dominio della forma!

Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Nuoto-scoliosi-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

A questo concetto fondato sulla fluidodinamica conseguiva il chiarimento di concetti meccanici quale il punto di intersezione tra la verticale passante per il centro di gravità quando il corpo è in equilibrio e la verticale attuale che passa per il centro di galleggiamento detto metacentro. La lezione chiariva l’espressione delle variazioni volumetriche (forma) della parte immersa del corpo considerato (centro di galleggiamento) piuttosto che delle variazioni ponderali del corpo in regime di gravità (baricentro). Inoltre, veniva spiegato come, sul versante percettivo la forma in acqua subisce una specifica rivoluzione. Le afferenze propriocettive diminuiscono fino a sparire mentre si esaltano le afferenze esterocettrici fino ad ottenere un passaggio da uno schema corporeo legato all’aspetto ponderale dei suoi segmenti somatici a uno schema corporeo legato agli aspetti volumetrici definiti dai recettori cutanei.Prescrizione dell'esercizio fisico-Master-Posturologia-Università di Catania-Scienze dell'esercizio fisico-Nuoto-scoliosi-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3

L’analisi dei muscoli immersi in acqua dimostra come questi vengono usati in modo completamente differente rispetto all’uso nella terraferma. Infatti, in acqua, i muscoli generano un vettore costantemente contrario a quello che rappresenta il verso del movimento ma orientano i segmenti corporei nella direzione e verso del movimento stesso.

 

Fluido-dinamica e Bio-meccanica

 

Il Docente dimostrava come i diversi distretti corporei, immersi nel mezzo liquido acqua, subiscono uno stato differenziato di galleggiamento (forza di galleggiamento). A ciò corrisponde un affondamento degli arti inferiori e una tendenza al galleggiamento del tronco per gli effetti della “legge di Archimede”. Pertanto, alla coppia di forze derivante dalla componente di for­za di gravità e della spinta idrodinamica di galleggiamento, consegue l’innesco di un processo di rotazione permanente del corpo fino a quando non si stabilisce uno stato di equilibrio.

I movimenti sono difficili da definire analiticamente e altrettanto difficili, pressappoco impossibili, da controllare da parte dell’esecutore meccanico (soggetto). Dalle spiegazioni del Prof. C. Giuffrida emerge che l’utilità correttiva è praticamente inesistente. Il gesto motorio risulta anti-economico ai fini di una compensazione della curva scoliotica poiché non avviene alcuna compensazione morfologica-posturale. Di contro, si ottiene un enorme dispendio energetico scarsamente produttivo per la compensazione della sinergia rachidea.

Le firme finali dei presenti hanno ultimato le giornate di lezioni. Il risultato è stato un forte momento di aggregazione tra tutti i partecipanti!

 

 

Lode-Tirocinanti-Studio-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-Università degli Studi di Catania-Laurea Magistrale-Tarallo-Messina-Quattrocchi

330 e una lode !

Lode e grande soddisfazione dello Studio del Prof. Dott. Carmelo Giuffrida.

Catania 27 Marzo 2017

Aula Magna della Torre Biologica dell’Università degli Studi di Catania

Lode-Tirocinanti-Studio-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-Università degli Studi di Catania-Laurea Magistrale

330 e una lode!

 

Ben tre Dottori Tirocinanti avviati dall’Università degli Studi di Catania alle attenzioni del Tutor Didattico nella persona del Prof. C. Giuffrida hanno discusso la loro tesi di laurea magistrale davanti alla Commissione dell’Ateneo catanese riportando una votazione complessiva di 330 e una lode!

Ottimo bottino per questi giovani Ph. D. che hanno affrontato con estrema serietà professionale un lungo periodo di tirocinio formativo e di orientamento disciplinato dall’art. 18 della legge 24 giugno 1997 n. 196 e dal regolamento emanato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale, di concerto con il Ministero della Pubblica istruzione e con il Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica con decreto del 25 marzo 1998, n.142.

Il decreto interministeriale di cui sopra, all’art. 4, prevede che i tirocini siano svolti sulla base di convenzioni stipulate tra i soggetti promotori e i datori di lavoro pubblici e privati;Lode-Tirocinanti-Studio-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-Università degli Studi di Catania-Laurea Magistrale-1
Le Università promuovono tirocini curriculari da svolgere durante il periodo di frequenza dei corsi di studio o di formazione, a favore dei propri studenti iscritti ai corsi di qualunque livello con la finalità di affinare il processo di apprendimento e di formazione, anche se non direttamente in funzione del riconoscimento di crediti formativi universitari (CFU).

 

Lode e 330 consensi ai neo-Dottori Magistrali che si laureano Ph.D. dopo un periodo di Tirocinio nello Studio del Prof. Dott. Carmelo Giuffrida a Catania

 

Il Dottor Antonio Quattrocchi, emozionatissimo, ha discusso brillantemente una tesi su “Attività Fisica nell’anziano” soffermandosi a un bilancio che pone a un posto di eccellenza il “farmaco ideale” rappresentato dall’attività motoria per contrastare patologie sensibili all’esercizio fisico, con particolare riguardo all’età geriatrica. Suo relatore è stato il Chiarissimo Prof. Lino Gurrisi mentre Co-relatore era il Prof. Carmelo Giuffrida.

Il Dottor Daniele Messina ha discusso una tesi sulle statistiche derivanti dalle conoscenze da parte dell’utenza della figura professionale dello Specialista in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate soffermandosi sui soggetti cardiopatici che, superata la fase acuta, spesso non sanno a chi affidarsi per continuare il proprio piano di recupero.

Il Dottor Daniele Tarallo ha discusso la sua tesi su “Ictus Cerebrale: dalla Clinica alla Riabilitazione” evidenziando l’importantissimo ruolo svolto dall’Attività Fisica Adattata nel recupero funzionale di questa patologia dopo la stabilizzazione e in cronicità conclamata.

L’intera Equipe dello Studio, con il Prof. Carmelo Giuffrida in testa, e i Colleghi-Tirocinanti dell’Università catanese che frequentano lo Studio, nel compiacersi del grande successo del Dott. Daniele Tarallo, del Dott. Daniele Messina e del Dott. Antonio Quattrocchi, augurano loro una brillante carriera.

 

 

 

Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014

Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014 :

Conferenza nell’aula magna di Via Pascoli presso il Polo delle Scienze Motorie e sportive dell’Università di Palermo.

 

Palermo – Venerdì 13 Ottobre 2017

 

Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

Si è organizzato, con l’affiancamento del CISM (Comitato Italiano Scienze Motorie), alla presenza delle parti politiche e professionali, l’attesa conferenza sulla Legge 29 del 29 Dicembre 2014 che, sebbene già in vigore dal Luglio 2016, che è ancora priva dei decreti attuativi: la legge necessitava di chiarimenti esplicativi e le norme dovevano essere spiegate e sviscerate in tutte le parti e commi.

Fondamentale importanza ha assunto la figura del “Direttore Tecnico” a tutela della salute del cittadino.

Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

 

 

 

L’incontro con gli studenti della facoltà di Scienze Motorie dell’Ateneo palermitano si è concluso con i consensi di tutti i Docenti e dei Professionisti del settore presenti che, all’unanimità si sono dichiarati soddisfatti dell’operato comune e si sono complimentati con la parte politica presente.

 

Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014 : Autorevole Tavolo di Relatori

 

Al tavolo dei relatori, susseguitosi sin dalle prime ore del mattino, erano presenti:Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

l’On.le Avv. Giampiero Trizzino (del Movimento 5 Stelle  e  firmatario della legge regionale 29 del 29.12.2014 insieme all’On. Panepinto), l’On.le Dott.ssa A. Anselmo (del PD), il Prof. Antonio Palma (Delegato al coordinamento delle politiche sportive di Ateneo UniPa), il Prof. Giuseppe Musumeci (in rappresentanza dell’Università di Catania), il Dott. Daniele Iacò (Presidente del CISM), il Dott. Giacomo Perticone (Vice-Presidente del CISM e moderatore dell’intero evento), la Prof.ssa Santoro (Docente presso il corso specialistico di Management dello sport dell’Università di Palermo), il Dott. Giuseppe Turano (ideatore della legge 29 del 29 Dicembre 2017) e il Dott. Tiziano Spada (co-autore dell’iniziativa legislativa), il Dott. Maurizio Picarella, la Dott.ssa Rosaria Margagliotti.Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3

Legge regionale 29 del 29 Dicembre 2014 :

Il Prof. Carmelo Giuffrida chiede alla Regione Siciliana “Palestre sicure ed etiche”

 

La conferenza è stata avviata alla conclusione con l’invito a un intervento tecnico del Prof. Carmelo Giuffrida che ha fatto risaltare la necessità di coniare una ulteriore nuova legge per la tutela della salute del cittadino per offrire “Palestre sicure ed etiche” su tutto il territorio regionale siciliano; a seguire, l’invito è stato esteso anche al Prof. Antonio Basile che ha sottolineato come il Gruppo di professionisti che ha lavorato all’iniziativa fu avviato da pochi e oggi si è in tanti, e tutti riuniti sotto una unica bandiera: quella della costante passione per il proprio lavoro!

Intervento apprezzato è stato anche quello del Dott. Antonio Lipari che ha sottolineato l’importanza dell’attività motoria già in età scolare e pre-scolare auspicando più spazio nella scuola primaria e dell’infanzia in un prossimo futuro.

Fatica e passione di anni di duro lavoro per affermare e riconoscere il ruolo professionale confermano, con questa legge rivoluzionaria, che la Sicilia è pioniera di una innovazione indispensabile. E ciò per la tutela di tutti i cittadini che richiedono servizi annessi alle Scienze del Movimento.


CONTATTI

Se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com