Equilibrio !

Equilibrio : questa qualità fisica si può allenare!

Prof. Dott. Carmelo Giuffrida

 

prof-carmelo-giuffridas-physical-activity-strategy-2017

Sebbene l’equilibrio sia una qualità complessa che implica l’intervento di parecchi organi ed apparati, è suscettibile di miglioramento su stimolazioni che sollecitino le qualità correlative.

Infatti, le metodologie di sviluppo interessano esercizi in forma statica e dinamica in grado di favorire la padronanza e il controllo del corpo nell’esecuzione dei gesti motori, della forza muscolare, della velocità, delle capacità coordinative, ecc…

Pertanto, alla preparazione generale di base segue quella specifica con esercizi:Gruppo di Studio Prof. C. Giuffrida appoggio monopodalico su pedana elastica - equilibrio 8

  • in volo;
  • sul bacino;
  • a corpo rovesciato;
  • sugli arti inferiori;
  • su piani instabili e su pedane elastiche con progressivo aumento del grado di difficoltà e riduzione della base d’appoggio e/o della stabilità.

In realtà, l’educazione motoria dell’equilibrio deve ampliare gli schemi motori del soggetto. Pertanto, deve creare automatismi ed evitare atteggiamenti compensatori dannosi e difficilmente correggibili.

 

Leggi dell’ equilibrio

 

  • – totalità: una modificazione che interessa uno dei sistemi produce un’alterazione dell’intero sistema;

 

  • equi-finalità: in un sistema circolare con differenti interconnessioni, un identico risultato può esser ottenuto utilizzando informazioni provenienti da recettori differenti (visivi, vestibolari, propriocettivi o somatoestesiche) e con modalità diverse;

 

  • retro-azione: basata sul fenomeno del feed-back – il centro dev’essere sempre informato attraverso una rete di informazioni provenienti dagli effettori somatici per poter verificare l’efficienza della finalizzazione degli stimoli inviati (risposta adeguata) e modificare adeguatamente le insufficienze alfine di ottenere il massimo risultato motorio.

 

  • – calibrazione: regola l’adeguatezza della risposta alla situazione effettiva del corpo nello spazio; perciò, è legata ai limiti della stabilità del sistema; il grado di stabilità è strettamente individuale.

 

Gruppo di Studio Prof. C. Giuffrida Verticale - equilibrio 1

Caratteristiche del sistema dell’equilibrio

 

Per la precisione, il sistema dell’equilibrio ha 2 peculiarità:

  • Ridondanza: un sistema si definisce ridondante quando riceve stimoli ed informazione da più parti ed è in grado di fornire la medesima risposta attraverso vie e modalità differenti;

 

  • Preferenzialità: in un sistema dotato di diversi canali, l’individuo può scegliere di utilizzare l’informazione proveniente da una via anzichè un’altra ottenendo il medesimo risultato.

Soprattutto, i giovanissimi utilizzano e sfruttano una bassa preferenzialità e una elevata ridondanza.

Al contrario, gli anziani possiedono un’alta preferenzialità e una ridondanza ridotta.

Tuttavia, in età adulta si sfruttano entrambe le possibilità con la medesima efficienza.


CONTATTI

Se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com


Ancora di più, guarda sul Canale Youtube anche la Relazione completa e senza tagli presentata al IV° Raduno dei Chinesiologi Siciliani.

Caltanissetta – 14 Maggio 2017 – Struttura sportiva “IL POGGIO”

Equilibrio e propriocezione!

Relazione Prof. C. Giuffrida – IV° Raduno dei Chinesiologi Siciliani

#equilibrioepropriocezione #radunodeichinesiologi #profcarmelogiuffrida #sistemadiequilibrio