Attività Fisica Adattata,deambulazione,Prof. Carmelo Giuffrida,Catania,3

Esercizio Fisico – Contagio Complex ed Embeddedness

Esercizio Fisico – Contagio Complex ed Embeddedness: può l’attività fisica essere contagiosa !?

Dott. Carmelo Giuffrida

Prof. Carmelo GiuffridaCatania 25.06.2017

 

Gli effetti benefici dell’attività fisica si possono osservare in molti modi e da molti punti di vista.

 

L’esercizio fisico è una Medicina, anzi è ormai considerato un super-farmaco ma pochi si chiedono se la pratica dell’Attività Fisica può essere contagiosa e coinvolgere altri soggetti.

 

Quando l’attività fisica diventa una pratica moderata e regolare produce miglioramenti sostanziali in termini biologici, fisiologici, psicologici e sociali; gli effetti che ne derivano producono una riduzione dei rischi di deterioramento delle capacità funzionali generali. Inoltre, l’attività fisica modifica significativamente e con una buona persistenza d’effetto l’umore dei praticanti con risposte reattive di ottimismo determinando una stabile relazione causa-effetto tra pratica motoria e stato o condizione psichica.

L’attività motoria comporta benefici per la salute e un netto miglioramento dell’igiene personale se è ben supportata da motivazioni e dalla soddisfazione di un bisogno. Le strategie personali di un individuo spesso lo inducono a ricercare, ad adottare e a mantenere uno stile di vita attivo.

La WHO, World Health Organisation, ha ripetutamente attivato iniziative a favore di un active lifestyle nel quale l’attività fisica è valorizzata come fattore di sviluppo delle condizioni sanitarie dell’individuo e della sua comunità.

“Exercise contagion in a global social network” è il testo di una interessante ricerca a cura dei Sociologi Sinan Aral & Christos Nicolaides che, su Nature Communications (Nature Communications 8, Article number: 14753 (2017) doi:10.1038/ncomms14753 pubblicato on line il 18 Aprile 2017), sfruttando le variazioni esogene nei modelli che includeva dati meteorologici di diverse aree geografiche, incrociati con i dati raccolti da un social network, studia una considerevole massa di runners (circa 1.1 milioni di soggetti) e mette in relazione:esercizio fisico adattato a Catania

  1. a) – dati globali meteo del giorno;
  2. b) – variazione esogena nella corsa tra amici;
  3. c) – dati sui legami di rete;
  4. d) – modelli di esercizio giornaliero.

 

Esercizio fisico e contagio sociale

 

Il contagio sociale del running è stato studiato su oltre 350 milioni di km., in una rete sociale globale misurata per 5 anni.

Emerge che il contagio nasce quando un soggetto guarda i dati ottenuti durante una seduta di allenamento effettuata da un proprio amico o dal proprio partner in un social-runner che funge da stimolatore ed innesca l’avvio di una sessione personale di allenamento.

 

L’esercizio fisico diventa socialmente contagioso!

Prof. Carmelo Giuffrida-rieducazione del cammino-attività fisica adattata

L’esercizio fisico diventa socialmente contagioso e il contagio vero e proprio inizia in rapporto alla quantità di attività svolta e alle relazioni di genere tra gli appartenenti alla rete social. I meno attivi influenzano i più attivi ma non viceversa. Maschi e femmine influenzano gli uomini mentre solo il sesso femminile influenza le donne.

Il contagio complesso, al contrario di quanto affermato dalle teorie radicate e di diversità strutturale di contagio, diffonderà in modo più efficace il cambiamento di comportamento poiché l’interdipendenza è strettamente legata alla rete sociale umana.

 

Occorre chiedersi se la salute e i comportamenti sono reciprocamente contagiosi e se le decisioni intraprese da ognuno influenzano le decisioni e le azioni dei coetanei o dei familiari e dei colleghi di lavoro.

Se esistono contagi comportamentali, in che misura si manifestano e come si possono attivare delle strategie di intervento interdipendenti che inglobano contesti sociali degli individui nei loro trattamenti?

 

Questa linea di indagine ha un enorme potenziale per migliorare la politica sociale, economico e di business.

 

Ma il suo progresso scientifico è stato ostacolato da tre sfide empiriche distinte.

  • le correlazioni nei comportamenti e i risultati socialmente connessi sono onnipresenti e gli effetti causali di influenza sociale sono più difficili da id inizialmente si dimostrarono correlazioni nel comportamento umano nello spazio e nel tempo della rete 37 , 8 , segnalando la possibilità di comportamenti di salute a cascata attraverso le interazioni sociali.

Successive indagini hanno rivelato effetti causali tra pari nelle reti, tra cui omofilia (la tendenza per gli individui di scegliere amici simili 10 , 11 ), confondendo gli effetti (la tendenza per gli individui collegati di essere esposti agli stessi stimoli esterni), simultaneità (la tendenza degli individui collegati di co-influenzano a vicenda), ed altri fattori 12 , 13 , 14 .

Esercizio fisico e i comportamenti di salute

 

2 –  Gli studi di contagio sociale attualmente soffrono di errori di misura sostanziale. I dati sui comportamenti di salute offline significativi come il fumo, l’obesità o la felicità, contano su self-report di comportamenti e risultati 3 , 7 , 8 poco frequenti e spesso imprecisi 21 , 22.DOMS Dolore del giorno dopo Prof. Carmelo Giuffrida 1

Gli esperimenti più facili da condurre digitalmente vengono condotti quasi esclusivamente ai comportamenti on-line meno tangibili e meno potenzialmente significativi, come ad esempio l’adozione e l’utilizzo di applicazioni sociali 17 , 18 , cliccando sulla pubblicità sociale 23 , la viralità di memo internet24 o l’uso di un linguaggio emotivo positivo o negativo in stato digitale aggiornato 25 .

Tra questi due estremi si trova un approccio alternativo importante che mira a fornire una misurazione precisa, granulare, non di comportamenti digitali come i clic o le azioni, ma di off-line, che studia i conseguenti comportamenti di salute, come l’utilizzo di dieta o dell’esercizio fisico.

L’ondata di dati auto e tracking idonei a quantificare e a raccogliere valori utili trasmessi da dispositivi indossabili che registrano l’attività di esercizio fisico in modo dettagliato accelerano l’efficacia di questo approccio alternativo.

 

Esercizio fisico e le notifiche digitali delle Community delle social network cluster

 

3 – la ricerca attuale influenza la causa sociale limitata alla generalizzabilità.Prof. Carmelo Giuffrida Exercise is medicine

Gli esperimenti sul campo hanno insegnato molto sui fondamenti degli effetti in popolazioni su larga scala e le loro conseguenze, costringendo a concentrarsi sui comportamenti facilmente randomizzabili: ad esempio, la ricezione delle notifiche digitali 17 , 18 ,19 o le informazioni sociali contenute nel visualizzare annunci pubblicitari 23 , che limitano il campo di indagine ad una piccola serie di strette specifiche condizioni e comportamenti.

Un maggiore controllo sperimentale in laboratorio, invece, permette di eseguire prove di condizioni difficili da manipolare nel mondo reale, come la struttura di rete in cui gli individui sono incorporati 16 , 26 .

Le relazioni assegnate agli individui avvengono in modo casuale e, in genere, in laboratorio sono artificiali.

Lo studio di influenza sociale di impatto sulla salute pubblica deve superare queste limitazioni esaminando gli effetti generalizzati come l’effetto di comportamenti di esercizio fisico complessivo degli individui sui loro amici e sulle relazioni reali che interagiscono nel loro stato naturale.Prof. Carmelo Giuffrida Exercise is medicine 3

La ricerca scientifica ha dimostrato che l’esercizio fisico è socialmente contagioso e che la contagiosità varia con i relativi livelli di attività e delle relazioni di genere tra amici.

I “SOCIAL NETWORK CLUSTER” potrebbero dimostrarsi utili al fine di aumentare la quantità di esercizio nei soggetti sedentari includendoli in community dedicate ad una specifica attività per stimolarne la partecipazione e la condivisione.

 


Webgrafia di riferimento

https://www.gymhub.it/gym-lab/science/l-esercizio-e-contagioso pubblicato in Gymhub.it il 20 aprile 2017


Bibliografia di riferimento su Esercizio Fisico

Aral S. & Nicolaides C. (2017) – Exercise contagion in a global social network. (Contagio con l’Esercizio in una rete sociale globale). NATURE Commun. 8, 14753 doi: 10.1038 / ncomms14753 (2017).

  1. Banerjee, A. , Chandrasekhar, AG , Duflo, E. & Jackson, MO La diffusione della microfinanza . Science 341 , 1.236.498 (2013). + Visualizza contesto CAS PubMed Articolo

2. Van den Bulte, C. & Lilien, GL innovazione medica rivisitati: contagio sociale contro sforzo di marketing . Am. J. sociol. 106 , 1409-1435 (2001).

3. Christakis, NA & Fowler, JH Le dinamiche collettive del fumo in una grande rete sociale . N. Engl. J. Med. 358 , 2249-2258 (2008).

4. Gomez Rodriguez, M. , Leskovec, J. & Krause, A. in Atti del 16 ° ACM SIGKDD , 1019-1028 (Washington, DC, USA, 2010).

  • + Visualizza contesto

5. Lazer, D. , Rubineau, B. , Chetkovich, C. , Katz, N. e Neblo, M. La coevoluzione di reti e atteggiamenti politici . Polit. Commun. 27, 248-274 (2010).

Altri riferimenti su Esercizio Fisico:

6. Watts, DJ Un semplice modello di cascate globali su reti casuali . Proc. Natl Acad. Sci. 99 , 5766-5771 (2002).

7. Christakis, NA & Fowler, JH La diffusione dell’obesità in una grande rete sociale oltre 32 anni . N. Engl. J. Med. 357 , 370-379 (2007).

8. Fowler, JH & Christakis, NA diffusione dinamica di felicità in una grande rete sociale: un’analisi longitudinale oltre 20 anni nel Framingham Heart Study . BMJ 337 , 2338 (2008).

9. Valente, TW Interventi di rete . Science 337, 49-53 (2012).

10. McPherson, M. , Lovin, LS & Cook, JM Uccelli di una piuma: omofilia nei social network . Annu. Rev. sociol. 27 , 415-444 (2001).

11. Aral, S. , Muchnik, L. & Sundararajan, A. distintivo contagio influenza-based da diffusione omofilia-guidato in reti dinamiche . Proc. Natl Acad. Sci. 106 , 21.544-21.549 (2009).

Inoltre, su Esercizio Fisico:

12. Aral, S. Identificazione influenza sociale: un commento sulla leadership opinione e contagio sociale nei nuovi diffusione del prodotto . Mercato. Sci. 30 , 217-223 (2011).

13. Manski, CF Identificazione di influenza sociale endogena . Sociol. Methodol. 23 , 1 (1993).

14. Currarini, S. , Jackson, MO & Pin, P. Identificare i ruoli di scelta basata sulla razza e il caso in alta scuola di formazione amicizia rete . Proc. Natl Acad. Sci. 107 , 4857-4861 (2010).

15. Rosenblat, T. & Mobius, M. Directed altruismo e fatti rispettare la reciprocità nelle reti sociali . QJ Econ. 124 , 1815-1851 (2009).

16. Centola, D. La diffusione di comportamenti in un esperimento di social network on-line . Science 329 , 1194-1197 (2010).

17. Aral, S. & Walker, D. Creazione di contagio sociale attraverso il design del prodotto virale: uno studio randomizzato di influenza dei pari nelle reti sociali . Gestire. Sci. 57 , 1623-1639 (2011).

18. Aral, S. & Walker, D. identificare i membri influenti e suscettibili di social network .Science 337 , 337-341 (2012).

19. Bond, RM et al. 61 milioni di persone esperimento di influenza sociale e mobilitazione politica . Nature 489 , 295-298 (2012).

Altri riferimenti su Esercizio Fisico:

20. Shalizi, CR & Thomas, AC omofilia e contagio sono genericamente confusi in studi osservazionali social network . Sociol. Metodi Res. 40 , 211-239 (2011).

21. Schwarz, N. self-report: come le domande modellano la risposta . Am. Psychol. 54 , 93 (1999).

22. Falk, in E. , Berkman, E. & Leiberman, M. Da risposte neurali a comportamento della popolazione: focus group neurale prevede a livello di popolazione effetti dei media . Psychol. Sci. 25 , 439-445 (2012).

23. Bakshy, E. , Eckles, D. , Yan, R. & Rosenn, I. in Atti del 13 ° Conferenza ACM sul commercio elettronico , 146-161 (Valencia, Spagna, 2012).

  • + Visualizza contesto

24. Bakshy, E. , Rosenn, I. , Marlow, C. & Adamic, L. in Atti del 21 ° Conferenza internazionale sulla World Wide Web , 519-528 (Lione, Francia, 2012).

  • + Visualizza contesto

25. Kramer, AD , Guillory, JE & Hancock, JT evidenza sperimentale di una massiccia scala contagio emotivo attraverso i social network . Proc. Natl Acad. Sci. 111 , 8.788-8.790 (2014).

26. Mason, W. & Watts, D. apprendimento collaborativo in rete . Proc. Natl Acad. Sci. 109 , 764-769 (2012).

Altri riferimenti su Esercizio Fisico:

27. Festinger, L. Una teoria dei processi di confronto sociale . Ronzio. Relat. 7 , 117 (1954).

28. Tesser, A. Verso un modello di manutenzione di autovalutazione per il comportamento sociale . Psicologia 21 , 181-227 (1988).

  • + Visualizza contesto

29. Garcia, SM , Tor, A. & Gonzalez, R. ranghi e rivali: una teoria della concorrenza . Pers. Soc. Psychol. Toro. 32 , 970-983 (2006).

30. Hankonen, N. , Absetz, P. , Ghisletta, P. & Renner, B. Le differenze di genere in determinanti cognitivi sociali dell’adozione esercizio . Psychol. Salute 25 , 55-69 (2010).

31. Gneezy, U. , Niederle, M. & Rustichini, A. prestazioni in ambienti competitivi: le differenze di genere . QJ Econ. 118 , 1049-1074 (2003).

32. Centola, D. & Macy, M. Contagi complessi e la debolezza di lunghi legami . Am. J. sociol. 113 , 702-734 (2007).

33. Ugander, J. , Backstrom, L. , Marlow, C. & Kleinberg, J. diversità strutturale contagio sociale . Proc. Natl Acad. Sci. 109 , 5962-5966 (2012).

34. Aral, S. & Walker, D. forza cravatta, radicamento, e l’influenza sociale: un grande esperimento in rete . Gestire. Sci. 60 , 1352-1370 (2014).

35. Phan, T. & Airoldi, EM Un esperimento naturale di formazione delle reti sociali e le dinamiche . Proc. Natl Acad. Sci. 112 , 6595-6600 (2015).

36. Miguel, E. , Satyanath, S. & Sergenti, E.shock economici e conflitti civili: un approccio variabili strumentali . J. Polit. Econ. 112 , 725-753 (2004).

Altri riferimenti su Esercizio Fisico:

37. Mehlum, H. , Miguel, E. & Torvik, R. La povertà e la criminalità nel 19 ° secolo in Germania . J. Urban Econ. 59 , 370-388 (2006).

38. Collins, WJ & Margo, RA del lavoro effetti sul mercato del 1960 Riots . Documento di lavoro, w10243, National Bureau of Economic Research (2010).

Altri riferimenti Esercizio Fisico:
  • + Visualizza contesto

39. Angrist, JD & Krueger, AB variabili strumentali e la ricerca per l’identificazione: dalla domanda e offerta di esperimenti naturali . J. Econ. Perspect. 15 , 69-85 (2001).

40. Angrist, JD guadagni a vita e il Vietnam progetto dell’era della lotteria: evidenze dalla sicurezza sociale registri amministrativi . Am. Econ. Rev. 80 , 313-336 (1990).

  • + Visualizza contesto

41. Coviello, L. et al. Rilevamento contagio emotivo in massicce social network . PLoS ONE 9 , e90315 (2014).

42. Angrist, JD , Imbens, GW & Rubin, DB Identificazione di effetti causali che utilizzano variabili strumentali . Marmellata. Statistica. Assoc. 91 , 444-455 (1996).

43. Belloni, A. , Chen, D. , Chernozhukov, V. e Hansen, C. modelli minimalista e metodi per strumenti ottimali con un’applicazione per eminente dominio . Econometrica 80 , 2369-2429 (2012).

44. Magazzino, JH & Yogo, M. Identificazione ed illazione per modelli econometrici: Saggi in onore di Thomas Rothenberg Cambridge Univ. Press (2005).