i livelli di attività fisica-attività fisica-esercizio fisico-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare: il Metodo Kabat

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare (Proprioceptive Neuromuscolar Facilitation)

 

Prof. Carmelo Giuffrida – 2020

 

Tra il 1940 e il 1965, Kabat, Margareth Knott e Dorothy Voss, svilupparono il concetto di Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare (PNF). Il loro concetto, proposto in modo definitivo nel 1956, si è evoluto nel tempo. Ancora oggi, si continua ad evolvere per effetto di continue ricerche nel campo della Neuro-fisio-patologia, dell’analisi del gesto motorio, della didattica connessa all’apprendimento motorio.

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare-Kabat-Propriocezione-Propriocettiva-Ginnastica-Attività Fisica-Prof. Carmelo Giuffrida-CataniaL’evidence based practice oggi necessita di costanti conferme del mondo scientifico. Sherrington, Pavlov, Gellhorn, Gsell non mancarono di fare osservazioni sul gesto motorio atletico durante lo stesso periodo.

In quegli anni l’obiettivo era quello di migliorare le capacità motorie negli esiti della poliomielite.

I principi di facilitazione e di trattamento, le tecniche specifiche, gli approcci, consentono di valutare e trattare i soggetti in fase cronica e stabilizzata, da riatletizzare.

Il contributo della Medicina dello Sport, della Reumatologia, della Traumatologia, dell’Ortopedia, della Pediatria, della Geriatria, della Neurologia, della Fisiatria, … è indiscutibile!

Certamente, la stimolazione del sistema neuro-muscolare consente di ottenere un cambiamento dello stato di efficienza del soggetto che richiede il miglioramento della propria performance funzionale e prestativa. Tutti oggi pretendono una migliore qualità della vita!

 

Il Metodo Kabat e la facilitazione propriocettiva del movimento: ruolo della propriocezione

 

Il “Metodo Kabat” prevede la facilitazione dell’atto motorio. Quindi serve a rendere il movimento più coordinato, più forte e più stabile, più preciso, … Per farlo occorre programmare e adattare il compito o la situazione in cui si svolge l’attività.Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare-Kabat-Propriocezione-Propriocettiva-Ginnastica-Attività Fisica-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

La facilitazione ha l’obiettivo di migliorare la risposta motoria sfruttando la stimolazione dei recettori del sistema neuro-muscolare. Chiama, perciò, in causa innervazioni, muscoli ed, essenzialmente, il cervello. Pertanto, vengono reclutati tutti i propriocettori del corpo come i recettori muscolari, tendinei e articolari, e gli esterocettori come i barocettori, i recettori cutanei, visivi, uditivi e vestibolari.

 

Metodo Kabat: Sistema Nervoso Periferico e Centrale collaborano per consentire il recupero del movimento!

 

Sistema Nervoso Periferico e Centrale cooperano per restituire un atto motorio o un’attività cosciente.

Il concetto di tecnica di trattamento propriocettiva impone tecniche specifiche per realizzare un approccio vario, ben pensato dall’Operatore con adattamenti ottimizzati e personalizzati alle esclusive necessità del suo assistito. È un concetto dinamico, che si evolve in continuazione e che non può ignorare gli esiti di lavori scientifici che riguardano anche patologie di diversa natura. Per essere esatti, l’uso di tecniche di propriocezione si usano per riatletizzare dopo l’infortunio sportivo ma, anche, nel trattamento del Morbo di Parkinson e nei Parkinsonismi, nel trattamento del “mal di schiena”, nelle disfunzioni articolari.

 

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare:
indispensabili informazioni somatosensoriali, uditive e visive, propriocettive!

 

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare-Kabat-Propriocezione-Propriocettiva-Ginnastica-Attività Fisica-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2Sir Charles Sherrington nel 1947 dimostrò che il cervello non conosce parti isolate e Beevor confermò che il cervello non conosce i muscoli ma il movimento. Oggi sappiamo per certo, dalla neuroplasticità, che ogni gesto eseguito da un essere umano utilizza una strategia per risolvere un problema in uno specifico ambiente. Ogni atto motorio è orientato verso un compito da svolgere come vestirsi, salire su un albero, scendere le scale, afferrare un oggetto, …

Esiste una interazione tra individuo, compito da svolgere e ambiente in cui si trova immerso il corpo umano. Per pianificare un compito diventano indispensabili informazioni somatosensoriali, uditive e visive, propriocettive.

Nella prima fase del gesto motorio assumono tono predominante le informazioni visive. La realizzazione del movimento vede, invece, la prevalenza di informazioni propriocettive.

Il feedback che ne scaturisce consente di pianificare il movimento, di adattarlo all’ambiente e ricevere una risposta con la garanzia di una adeguata destrezza.

Bernstein nel 1967 sottolineò l’importanza di conoscere e comprendere il funzionamento del corpo e dei sistemi di controllo considerando l’essere umano come una unità funzionale biomeccanica e muscolare in grado di interagire con l’ambiente.

La coordinazione di un movimento umano implica il riconoscimento della stabilità e il controllo dei movimenti integrati. I muscoli lavorano in sinergia per risolvere il problema del controllo posturale e della locomozione.

Sinteticamente, un movimento risulta fluido e ben coordinato solamente se il cervello riceve abbastanza quantità di informazioni afferenziali.

La presenza di una patologia che impedisce al cervello di ricevere, elaborare e adeguare le risposte necessita di opportuni interventi specialistici per consentire il riapprendimento del compito carente.

 

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare: risposte appropriate per funzionalizzare il corpo umano.

 

Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare-Kabat-Propriocezione-Propriocettiva-Ginnastica-Attività Fisica-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3Il concetto di PNF contiene tutti gli strumenti utili per stimolare la persona e ricevere le risposte appropriate per funzionalizzare il corpo umano.

Ogni movimento è tridimensionale e si svolge nel corso del tempo divenendo quadridimensionale. Ogni azione comporta movimenti maggiori, come la flessione o l’estensione, l’adduzione o l’abduzione, l’intra-rotazione o l’extra-rotazione. Sicuramente, la rotazione assume importanza primaria in quanto consente la realizzazione di movimenti armonici e coordinati. Quindi, a seconda delle necessità del momento, il movimento può sfruttare tali azioni separatamente o in combinazione, seguendo le diagonali del corpo umano, su cui l’essere umano sviluppa la massima espressione di forza in accordo con le leggi della bio-dinamica.

È opportuno che il movimento risulti sempre economico e coordinato restituendo il miglior esito motorio con il minor dispendio energetico.

Per ottenere ciò, movimenti e attività specifiche devono essere apprese in posizioni diverse e sotto diversi aspetti e condizioni, incrementando sempre più il grado di difficoltà esecutivo e stimolandone la risposta esatta anche con situazioni distraenti.


CONTATTI

Se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com


 

Bibliografia di riferimento sulla Facilitazione Propriocettiva Neuromuscolare

 

Knot M, Voss DE (1956) – Proprioceptive Neuromuscular Facilitation–patterns and techniques – A Hoeber-Harper Book, USA.

 

#kabat #facilitazionepropriocettivaneuromuscolare #facilitazionepropriocettivadelmovimento #propriocettiva #propriocezione #catania #sicilia #siracusa #messina #enna #caltanissetta #ragusa #riabilitazione #rieducazione #attivitàfisicaadattata #ginnasticapropriocettiva #chinesi #pnf #rmp #facilitazioneneuromuscolarepropriocettivaacatania #metodokabatacatania #kabateserciziacatania #inibizioneneuromuscolare #rmpacatania