Il piede nel Tennis

Il piede nel Tennis

Il piede nel Tennis

 

Prof. Carmelo Giuffrida Libro Il Piede nel tennis

Prof. Carmelo Giuffrida – Libro “Il Piede nel tennis”

Pubblicato, con editing della Griffin Editore-Timeo, il libro relativo a “Il piede nel Tennis – Biomeccanica, Cinesiologia e Infortuni”! I tre Autori, Carmelo Giuffrida, Luca Avagnina e Rodolfo Lisi, congiuntamente e in armonia, hanno realizzato l’impegnativo volume con codice ISBN 979-12-81437-09-8. In bibliografia è una novità poiché mancava chi ne descrivesse i riferimenti allo specifico gesto motorio del tennista.

La presentazione del libro è stata effettuata dal Presidente del Comitato Olimpico Nazionale – Dott. Giovanni Malagò.

Editing e redazione sono stati curati da Andrea Peren.
Il Progetto grafico e l’impaginazione sono stati realizzati da Ilaria Gatti, Minuart.it

La Stampa è stata curata da Caratteri Mobili srl – www.caratterimobili.eu

La prefazione è di Alberto Lissone. La post-fazione è di Italo Cucci.

In pratica, 200 pagine confezionate in un elegante formato cartonato con il marchio “Timeo” – Divisione Libri.

 

Il piede nel Tennis!

 

L’essere umano non sempre è consapevole dei complessi processi neuro-muscolari che controllano, in stretta correlazione, gli aspetti somatici con quelli mentali, da cui, poi, ne deriva il comportamento: pertanto, assume un numero infinito di posture durante la sua vita  quotidiana che corrispondono alle qualsiasi “posizioni che garantiscono l’equilibrio statico o dinamico per compiere un movimento finalizzato” e l’“idea razionale” che rappresenta una condizione strutturale e funzionale del corpo umano coincidente con l’acquisizione di “posizioni normali”.

Il piede nel tennis - frontespizio del volume

Frontespizio cover del volume “Il piede nel tennis”

 

Secondo quali schemi è organizzato il movimento posturale umano?

 

Le caratteristiche strutturali del corpo e la geometria delle azioni muscolari sono incorporate in una rappresentazione grafica tridimensionale della meccanica del movimento umano nel piano sagittale.

Una serie di ipotesi organizzative neurali limita un numero teoricamente infinito di combinazioni di contrazioni muscolari e traiettorie di movimento associate per eseguire correzioni posturali:

1) i controlli sono organizzati per utilizzare il numero minimo di muscoli;

2) i movimenti eseguiti di frequente sono organizzati per richiedere un minimo di processo decisionale neurale.

Queste ipotesi portano alla previsione che i movimenti posturali siano composti da strategie contrattili muscolari derivate da un insieme limitato di modelli contrattili distinti.

Le alterazioni posturali debbono essere indagate tra sistemi recettoriali eterogenei come effetto di errori, interazioni fini o disfunzioni non posturali generate da problematiche visive, occlusali, …

 

Il piede nel tennis: Il piede è un’opera di alta ingegneria!

 

Il piede è un organo sensoriale-meccanico che reagisce alla forza di gravità. In altri termini, è in grado di modulare, in base alle esigenze, ogni situazione anti-gravitaria.

Dott. Luca Avagnina

Dott. Luca Avagnina

Dott. Rodolfo Lisi

Dott. Rodolfo Lisi

Considerato come una struttura in cui si riflettono i vari organi e apparati, si rilascia, si adatta al terreno e informa il sistema nervoso centrale sulla propria posizione spaziale e della conformazione del suolo.

In realtà, il piede è sia organo effettore che organo ricettore!

Nel corso dell’evoluzione, per le esigenze sorte nell’assunzione della stazione eretta e della deambulazione bi-podalica, risulta essere un diaframma atto ad assorbire e smistare le forze esterne (ambientali) e interne (muscolari), relativamente agli infiniti piani dello spazio.

Il piede, quindi, è un organo molto sofisticato che con la sua funzionalità e struttura funge da adattatore e reattore. In poche parole, è un complesso in grado di svolgere più funzioni contemporaneamente e in condizioni diverse.

 

Il piede nel tennis – Riflessioni!

 

Nel tennis, le patologie degli arti inferiori, e principalmente della struttura caviglia-piede, sono ascrivibili soprattutto a problemi di sovraccarico legati all’intensità e al numero di ripetizioni di gesti tecnici altamente dinamici (Pluim & Safran, 2004).

Lo sviluppo e la produzione di attrezzi e superfici di gioco innovativi, sulla carta maggiormente performanti, non sempre garantiscono gli esiti previsti per la qualità delle prestazioni e per l’integrità dei praticanti. Se ai massimi livelli, spesso, le problematiche si manifestano a causa dell’intensità e della frequenza delle prestazioni, a livello amatoriale una delle cause principali degli insuccessi dovuti a peculiarità tecnologiche (tipicamente la racchetta o la calzatura) risiede, soprattutto in fase di acquisto, nella mancata consapevolezza di quanto l’attrezzo e la superficie mediano il trasferimento dei carichi tra uomo e ambiente circostante. Ogni modifica di queste componenti comporta la ridistribuzione delle sollecitazioni meccaniche sul sistema biologico. Gli effetti sono difficili da prevedere senza le necessarie conoscenze delle sue potenzialità e dei suoi limiti.

 

Tre autorevoli pareri coincidenti sul “piede nel tennis”

 

Non si può trascurare l’individualità dell’essere umano che si manifesta in termini di differenze antropometriche, conformazione muscolare, risposta biologica agli stimoli e così via. Ne consegue, perciò, la necessità di conoscere a fondo entrambi i componenti (uomo e attrezzo) per realizzare il migliore accoppiamento!

Gli Autori, discutono ampiamente le caratteristiche del piede nel tennis, ognuno secondo il proprio punto di vista, e concordano su una unica comune Know how che fornisce il quadro d’insieme che mancava!

Funzionale e appropriato, il volume sviluppa in maniera sottile, precisa e capillare, gli strumenti utili ad ottenere prestazioni di elevato livello mettendo in stretta relazione la Scienza con il gesto motorio specifico del tennis.


CONTATTI

Ci contatti se desidera ricevere più informazioni sulla problematica del

Piede nel Tennis

Quindi, se vuole avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, ci contatti.

Se desidera avere un breve colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

Per contattare Carmelo Giuffrida – Rodolfo Lisi e Luca Avagnina, Autori del libro “Il piede nel tennis”, rivolgersi alla Segreteria dello Studio del Prof. Dott. Carmelo Giuffrida o alla Griffin Editore – Timeo.