Postura a Catania -Posturologia a Catania - Posturologo a Catania- Studio Prof. Carmelo Giuffrida - 1

Lombalgia cronica: Gestione non chirurgica!

LOMBALGIA CRONICA – la gestione non chirurgica della lombalgia primaria cronica negli adulti in contesti di assistenza primaria e comunitaria

La lombalgia cronica (LBP) descrive il dolore tra il bordo inferiore delle costole e il gluteo. Può durare poco tempo (fase acuta), poco più a lungo (fase sub-acuta) o molto tempo (fase cronica). Può interessare chiunque.

Tale patologia rende difficile il movimento e può influire sulla qualità della vita e sul benessere mentale. Può limitare le attività lavorative e l’impegno con la famiglia e gli amici.

Inoltre, può essere:

  • specifico: il dolore è provocato da una determinata malattia o problema strutturale nella colonna vertebrale o quando il dolore si irradia da un’altra parte del corpo.
  • non specifico: quando non è possibile identificare una determinata malattia o una ragione strutturale per spiegare la manifestazione del dolore. Il mal di schiena non è specifico in circa il 90% dei casi.

 

Mal di schiena: Linee guida dell’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità

 

Lo scopo della linea guida è quello di fornire raccomandazioni basate sull’evidenza relativa agli interventi non chirurgici per il “Mal di schiena” (LBP) primario cronico (CPLBP) negli adulti, compresi gli anziani. Tali interventi possono essere forniti tanto in contesti di assistenza primaria quanto comunitaria per migliorare i risultati di salute e benessere correlati al “Mal di schiena primario cronico” (CPLBP).

La linea guida non considera gli interventi tipicamente erogati in contesti di assistenza secondaria o terziaria (ad esempio procedure chirurgiche o altre procedure invasive) o interventi sul posto di lavoro.

Mal di schiena cronico-Lombalgia-Low back pain-linee guida organizzazione mondiale sanità-guide lines World Health Organization-OMS-WHO

Linee guida OMS relative alla “Lombalgia cronica”

Il  target pubblico a cui si rivolgono le linee guida sono gli Operatori di tutte le discipline che lavorano nei contesti di assistenza primaria e comunitaria. In questo contesto, la linea guida intende essere neutrale dal punto di vista disciplinare. Le linee guida, perciò, rappresentano uno strumento utile al personale clinico tra cui medici, infermieri, operatori sanitari affini tra cui osteopati e chiropratici, terapisti occupazionali, chinesiologi clinici e specialisti dell’esercizio fisico adattato, fisioterapisti, farmacisti, psicologi e operatori sanitari di comunità, nonché ai gestori dei programmi e dei sistemi di sanità pubblica.

 

L’OMS pubblica le linee guida sulla lombalgia cronica

 

La lombalgia cronica è la principale causa di disabilità a livello globale. Nel 2020, circa 1 persona su 13, pari a 619 milioni di persone, ha sofferto di lombalgia cronica o Low Back Pain, con un aumento del 60% rispetto al 1990.

Si prevede che i casi di lombalgia cronica (LBP) subiranno un incremento a circa 843 milioni entro il 2050, con la crescita maggiore prevista in Africa e Asia, dove le popolazioni stanno diventando più grandi e le persone vivono più a lungo.

Gli impatti e i costi personali e comunitari associati alla lombalgia cronica (LBP) sono particolarmente elevati per le persone che presentano sintomi persistenti.

La lombalgia cronica (LBP) primaria riferita al dolore che dura più di 3 mesi non è da imputare a una patologia di base o ad altra condizione. Di fatto, rappresenta la stragrande maggioranza dei casi di lombalgia cronica (LBP) riscontrata nelle cure primarie che, comunemente, si stima rappresenti almeno il 90% dei casi. Per questo motivo, l’OMS ha pubblicato linee guida sulla  lombalgia cronica (LBP) primaria.

 

Il problema della lombalgia cronica non può essere ignorato, poiché è la principale causa di disabilità a livello globale.

 

Con le linee guida, l’Organizzazione Mondiale Sanità raccomanda interventi non chirurgici per aiutare le persone che soffrono di lombalgia cronica (LBP) primaria.

lombalgia cronica-mal di schiena-riequilibrio delle catene cinetiche e postura economica-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

Lombalgia cronica: il mal di schiena evitato con il riequilibrio delle catene cinetiche e la postura economica – Laboratorio di Chinesiologia Clinica del Prof. Carmelo Giuffrida – Catania

Gli interventi raccomandati dalle linee guida includono:

  • programmi educativi che supportano la conoscenza e le strategie di cura di sé;
  • programmi specifici di esercizio fisico;
  • la terapia manipolativa spinale (intervento con Osteopatia e il massaggio);
  • terapie psicologiche, come la terapia cognitivo comportamentale;
  • uso di farmaci antinfiammatori non steroidei.

Le linee guida delineano i principi chiave dell’assistenza per gli adulti con lombalgia cronica (LBP) primaria, raccomandando che sia olistica, centrata sulla persona, equa, non stigmatizzante, non discriminatoria, integrata e coordinata.

 

Curare la lombalgia cronica secondo le linee guida

 

La cura dovrebbe essere adattata per affrontare il mix di fattori (fisici, psicologici e sociali) che possono influenzare l’esperienza cronica di lombalgia cronica primaria (LBP). Potrebbe essere necessaria una serie di interventi per affrontare in modo olistico la lombalgia cronica primaria (LBP) di una persona, invece di singoli interventi utilizzati in modo isolato.

Le linee guida delineano, inoltre, 14 interventi che non sono raccomandati per la maggior parte delle persone nella maggior parte dei contesti. Questi interventi non dovrebbero essere offerti di routine, poiché la valutazione dell’OMS delle prove disponibili indica che i potenziali danni probabilmente superano i benefici.

L’OMS sconsiglia interventi quali:

  • tutori, cinture e/o supporti lombari;
  • alcune terapie fisiche, come le trazioni vertebrali;
  • alcuni farmaci, come gli antidolorifici oppioidi, che possono restituire sovradosaggio e dipendenza.

 

La lombalgia cronica primaria (LBP): prima o poi, tocca a tutti!

 

Lombalgia ed educazione del soggetto attraverso un'educazione: Back School - Laboratorio di Posturologia e Chinesiologia umana del Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

Lombalgia ed educazione del soggetto attraverso un’educazione: Back School – Laboratorio di Posturologia e Chinesiologia umana del Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

La lombalgia cronica primaria (LBP) è una condizione comune vissuta dalla maggior parte delle persone ad un certo punto della loro vita. Nel 2020, il LBP rappresentava l’8,1% degli anni vissuti con disabilità per tutte le cause a livello globale. Tuttavia, le linee guida per la gestione clinica sono state sviluppate prevalentemente nei Paesi ad alto reddito. Per le persone che soffrono di dolore persistente, la loro capacità di partecipare alle attività familiari, sociali e lavorative è spesso ridotta. Ciò può influire negativamente sulla loro salute mentale e comportare costi sostanziali per le famiglie, le comunità e i sistemi sanitari.

Le Nazioni potrebbero aver bisogno di rafforzare e trasformare i propri sistemi e servizi sanitari per rendere gli interventi raccomandati disponibili, accessibili e accettabili. Ciò significa possedere una copertura sanitaria, interrompendo contestualmente l’erogazione di routine di determinati interventi.

Il successo dell’implementazione della guida è basato:

  • sulla messaggistica di salute pubblica relativa all’assistenza adeguata per la lombalgia cronica primaria (LBP),
  • sullo sviluppo della capacità della forza lavoro per affrontare la cura della lombalgia cronica,
  • sull’adattamento degli standard di cura,
  • sul rafforzamento dell’assistenza sanitaria primaria, compresi i sistemi di riferimento.

 

Lombalgia cronica: approccio integrato e centrato sull’unicità individuale della persona

 

Affrontare il mal di schiena cronico richiede un approccio integrato e centrato. Occorre considerare la situazione unica di ogni persona e i fattori che potrebbero influenzare la sua esperienza di dolore.

Le linee guida diventano, perciò, uno strumento utile a supportare un approccio olistico alla cura della lombalgia cronica. Servono a fare migliorare la qualità, la sicurezza e la disponibilità delle cure.

La lombalgia cronica primaria (LBP) influisce sulla qualità della vita ed è associato a comorbidità e rischi di mortalità più elevati. Gli individui che soffrono di lombalgia cronica primaria (LBP), in particolare gli anziani, hanno maggiori probabilità di sperimentare la povertà. Tale fascia di età abbandona prematuramente la forza lavoro e accumula meno ricchezza per la pensione. Allo stesso tempo, gli anziani hanno maggiori probabilità di sperimentare eventi avversi derivanti dagli interventi, rafforzando l’importanza di adattare l’assistenza alle esigenze di ciascuna persona. Affrontare la lombalgia cronica primaria (LBP) tra le popolazioni anziane può facilitare un invecchiamento in buona salute. Ne consegue, quindi, che le persone anziane acquisiscono la capacità funzionale di mantenere il proprio benessere.


CONTATTI

Se desidera ricevere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com