Insufficienza cardiaca cronica: l’Attività Fisica induce miglioramenti emodinamici, ventilatori e metabolici

 

Diabete-Attività Fisica Adattata-Sport-Esercizio fisico-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4L’insufficienza cardiaca cronica è una complessa sindrome clinica che, nei Paesi occidentali, colpisce ogni anno da 1 a 5 soggetti su 1000: è associata ad una marcata riduzione dell’aspettativa di vita in ogni decade di età (1 – 2).

Le principali cause di insufficienza cardiaca cronica sono la cardiopatia ischemica e l’ipertensione arteriosa sistemica che rappresentano circa l’80% dei casi.

Nonostante il progresso della terapia medica avvenuto nelle ultime decadi, la prognosi dell’insufficienza cardiaca cronica non è cambiata significativamente (3 – 4 – 5).

Il miglioramento della terapia farmacologica ha ridotto il tasso di mortalità ospedaliera ma ha contribuito:Diabete-Attività Fisica Adattata-Sport-Esercizio fisico-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

  • alla cronicizzazione dell’insufficienza cardiaca,
  • all’aumento del numero dei soggetti che richiedono cure e assistenza medica;
  • all’aumento delle riospedalizzazioni.

Risulta giustificata la ricerca di nuove o differenti strategie di intervento efficaci, sicure, disponibili e con un conveniente rapporto costo/efficacia.

 

L’Attività Fisica Adattata si è dimostrata in grado di migliorare la capacità funzionale e la qualità della vita nei soggetti con insufficienza cardiaca cronica (6- 7).

 

Il training condotto con un piano di lavoro mirato all’attività fisica adattata:

  • migliora la funzione contrattile del ventricolo sinistro,
  • attenua la vasocostrizione periferica attraverso il miglioramento della bilancia autonomica e il miglioramento della vasodilatazione endotelio-dipendente,
  • riduce il fenomeno del rimodellamento ventricolare sinistro (VS) e l’attivazione neuro-umorale.
  • l’insieme degli adattamenti migliora la capacità funzionale e spezza il circolo vizioso del deterioramento progressivo funzionale e cardiocircolatorio.Personal trainer e coaching-personal trainer-personal health-coach-preparazione atletica-allenamento-funzionale-attività fisica-esercizio-sport-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

I criteri di inclusione nel protocollo sono:

  • insufficienza cardiaca cronica stabile (assenza negli ultimi 3 mesi della necessità di modificare la terapia medica o di essere ricoverato in ospedale);
  • classe funzionale NYHA II e III;
  • capacità di effettuare un programma di esercizio fisico.

I criteri di esclusione sono:

  • recente evento coronarico acuto;
  • insufficienza cardiaca scompensata;
  • ipertensione arteriosa o diabete mellito non controllati;
  • malattia respiratoria severa;
  • anemia significativa;
  • insufficienza renale (creatinina >2.5 mg/dl).

I soggetti vengono sottoposti ad esercizi aerobici, monitorati durante l’intera attività fisica espletata, da 1 a 2 volte alla settimana, e con un piano di lavoro domiciliare da auto-somministrare per i restanti giorni della settimana; ogni seduta ha la durata di circa 60 minuti.

L’intensità dell’esercizio viene mantenuta con controllo costante a mezzo di cardiofrequenzimetro, fissata intorno al 60-80% della frequenza cardiaca massimale raggiunta con test ergometrico standard, o al 60-70% del VO2 max.

Quando richiesto o ritenuto utile, l’esercizio fisico viene supervisionato anche da uno specialista Cardiologo (almeno per le prime 3 settimane).

Per ottimizzare i risultati clinici nei soggetti con insufficienza cardiaca cronica è necessario che l’allenamento fisico sia:

  • ben monitorato e funzionalizzato,
  • effettuato il più a lungo possibile
  • che risponda ai fattori predittivi di una risposta positiva al training.

Parametri predittivi di una risposta positiva dal training nei soggetti con insufficienza cardiaca cronica.

Fattori predittivi

Fattori non predittivi

Presenza di miocardio vitale Età
Riempimento diastolico normale o del tipo rilasciamento anomalo Sesso
Normale slope di aumento della gettata cardiaca al test da sforzo VO2 di picco iniziale
  Frazione di eiezione ventricolare sinistra
  Numero di arterie coronarie con stenosi significativa
VO2 = consumo miocardico di ossigeno.

 

L’incapacità di effettuare esercizio fisico senza disagio è una caratteristica comune nei soggetti con insufficienza cardiaca cronica.

La ridotta tolleranza allo sforzo genera un circolo vizioso di decondizionamento e peggioramento della funzione cardiocircolatoria: l’inattività favorisce l’atrofia dei muscoli scheletrici, la quale causa riduzione della forza e precoce esauribilità.

La disfunzione cardiaca determina stimolazione neurormonale e attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone che, a loro volta, peggiorano il deficit cardiocircolatorio, con iperattività adrenergica e vasocostrizione arteriosa, aumento del post-carico e sovraccarico cardiaco cronico.

L’Attività Fisica Adattata induce una serie di adattamenti funzionali e strutturali a carico di diversi apparati che interrompono questo circolo vizioso per cui si ottengono miglioramenti emodinamici, ventilatori e metabolici tali da aumentare la capacità funzionale e da consentire una qualità di vita migliore.


CONTATTI

Se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

 


Bibliografia

 

1 – Remes J, Reunanen A, Aromaa A, Pyorala K. Incidence of heart failure in eastern Finland: a population-based surveillance study. Eur Heart J 1992; 13: 588-592.

2 – The SOLVD Investigators. Effect of enalapril on survival in patients with reduced left ventricular ejection fractions and congestive heart failure. N Engl J Med 1991; 325: 293-302.

3 – Blair SN, Kohl HW, Barlow CE, Paffenbarger RS, Gibbons LW, Macera CA. Changes in physical fitness and all-cause mortality. A prospective study of healthy and unhealthy men. JAMA 1995; 273: 1093-8.

4 – Pfeffer MA, Braunwald E, Moye LA, et al, for the SAVE Investigators. Effect of captopril on mortality and morbidity in patients with left ventricular dysfunction after myocardial infarction: results of the Survival and Ventricular Enlargement Trial. N Engl J Med 1992; 327: 669-77.

5 – Katz AM. Heart failure. Philadelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins, 2000.

6 – Coats AJ, Adamopoulos S, Meyer TE, Conway J, Sleight P. Effects of physical training in chronic heart failure. Lancet 1990; 335: 63-66.

7 – Hambrecht R, Niebauer J, Fiehn E, et al. Physical training in patients with stable chronic heart failure: effects on cardiorespiratory fitness and ultrastructural abnormalities of leg muscles. J Am Coll Cardiol 1995; 25: 1239-1249.

8 – Linee guida – La prescrizione dell’esercizio fisico in ambito cardiologico – Documento di Consenso della Task Force Multisocietaria
Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI) – Società Italiana di Cardiologia dello Sport (SIC Sport) – Associazione Nazionale Cardiologi Extraospedalieri (ANCE) – Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO) – Gruppo Italiano di Cardiologia Riabilitativa (GICR) – Società Italiana di Cardiologia (SIC): 10. L’esercizio fisico nel paziente con insufficienza cardiaca cronica e nel paziente sottoposto a trapianto cardiaco – ROMUALDO BELARDINELLI, PIERGIUSEPPE AGOSTONI G Ital Cardiol 2007; 8 (11): 681-731