Articoli

Comportamento del piede dentro la scarpa

Il piede del tennista: le criticità!

Il piede del tennista, le criticità!   Il piede del…
piede in sovraccarico funzionale

Infortuni nel piede: Interpretazione e criticità

Infortuni nel piede: interpretazione e criticità     Il…
Piede cavo-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Piede Cavo

Piede cavo: varia in rapporto all’età e all’eziologia. Nell’adolescenza…
Piede piatto-piedi piatti-piede-piedi-ginnastica correttiva-Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-4

Piede piatto: un paramorfismo che produce difetti posturali e del cammino

 Piede piatto: Prima di parlarne occorre sapere che ... Prof.…
Piede cavo-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Piede nei dettagli!

Il Piede nei dettagli: Questo organo di senso bio-meccanico…
piede in sovraccarico funzionale

Il Piede paramorfico: organo di senso bio-meccanico e recettore della postura

Il Piede paramorfico nel contesto del sistema tonico posturale:…
interazione piede suolo-piede-appoggio-passo-deambulazione-cammino-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

Piede: Come le forze meccaniche condizionano la postura nell’interazione piede-suolo!

Piede: Interazione piede-suolo - come le forze meccaniche condizionano…
Alluce valgo-piede cavo-piedi cavi-piede piatto-piedi piatti-piede-piedi-plantoscopia-podoscopia-Prof. C

ALLUCE VALGO

La popolazione di età compresa tra i 55 e i 75 anni, età geriatrica che si rivolge a un ambiente specializzato nelle attività fisiche adattate e che richiede la pratica di un programma di attività motoria finalizzata, controllata e sottoposta a diversi test di valutazione chinesiologica (mobilità articolare, forza muscolare, armonia posturale) per progettare la giusta quantità e qualità di esercizio fisico, evidenzia specifici disordini posturali di evocazione plantare presentando dislocazione laterale permanente dell’alluce - con angolazione superiore a 10°: questo dimorfismo è conosciuto come alluce valgo. Esercizi appositamente studiati e adattati, che vengono proposti in un programma di attività motorie finalizzato in cui i soggetti vengono inseriti, consentono di controllare efficacemente alcuni aspetti di questo problema. Esercizi appositamente studiati e adattati, che vengono proposti in un programma di attività motorie finalizzato in cui i soggetti vengono inseriti, consentono di controllare efficacemente alcuni aspetti di questo problema. Le afferenze che interagiscono per il controllo della postura e della deambulazione sono molte ma, sebbene le informazioni che derivano dai recettori visivi hanno un indubbia e grande significatività, quelle plantari hanno un ruolo di primaria importanza poiché, la propriocezione del piede, determina risposte posturali globali e, i meccanocettori cutanei plantari, sono insostituibili e determinanti per il corretto assetto posturale.ginnastica vascolare Gli esercizi di A.F.A. (Attività Fisica Adattata), proposti in modo capillare e minuzioso, tendono al recupero del corretto rapporto tonico percettivo, riarmonizzando, per quanto possibile, nello schema statico deambulatorio, l’equilibrio del rapporto tensione-lunghezza delle catene mio-fasciali che sono alla base della risposta ascendente di compenso posturale (tricipite surale, tibiale posteriore, peronieri).