Articoli

prolasso-uro genitale-incontinenza urinaria-urologia-ginecologia-chinesiologia-rieducazione motoria-pavimento pelvico-Attività Fisica Adattata-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

Prolasso uro-genitale – recupero funzionale con Attività Fisica Adattata

Prolasso uro-genitale 

Le disfunzioni del basso apparato urinario come messaggio analogico del corpo

 

Il sintomo, o la patologia, è l’apice di un processo molto complesso che produce il “punto d’arrivo” che coinvolge i piani più profondi della persona.

 

Le disfuprolasso-uro genitale-incontinenza urinaria-urologia-ginecologia-chinesiologia-rieducazione motoria-pavimento pelvico-Attività Fisica Adattata-Prof. Carmelo Giuffrida-Catanianzioni del basso apparato urinario si inseriscono in un contesto che coinvolge più aspetti della persona, della sua storia personale e della sua specificità.

 

La traduzione somatica del “linguaggio” del corpo fatto di sintomi, dolori, disfunzioni, conferisce significato Chinesiologico al sintomo come:

  • manifestazione somatica di uno squilibrio che si realizza su un piano emotivo, affettivo, relazionale, in seguito a input conflittuali, a un vuoto, a un eccesso di stress, a un’emozione trattenuta (rabbia, paura, etc…);
  • risultato di una ripetizione motoria che si automatizza e provoca una reazione conseguenziale a fronte di situazioni che si presentano nella vita della persona;
  • risultato di un trauma fisico o emotivo.

Prolasso uro-genitale: obiettivi e strategie dell’Attività Fisica Adattata

 

L’interpretazione di questo linguaggio ha due obiettivi fondamentali:

  • stabilire una strategia educativa;
  • tradurre il linguaggio del corpo affinché la persona diventi consapevole e parte attiva del processo di recupero funzionale.

 

A dire il vero, l’origine di alcune sintomatologie come urgenza minzionale, pollachiuria, dispareunia, ipertono, è complessa e legata al vissuto soggettivo della persona.

prolasso-uro genitale-incontinenza urinaria-urologia-ginecologia-chinesiologia-rieducazione motoria-pavimento pelvico-Attività Fisica Adattata-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Chi somministra Attività Fisica Adattata ha gli strumenti di conoscenza per sviluppare un percorso di recupero funzionale tenendo in debita considerazione questi aspetti senza invadere le pertinenze psicologiche di altra competenza professionale.

L’approccio motorio agisce sul piano fisico e cambia la lettura delle risposte somatiche e il conseguente percorso di recupero.

Per ricreare uno stato di equilibrio omeostatico occorre operare con dovizia tecnica sugli organi, sui visceri, sui vari tessuti. Quindi non vanno trascurate fasce, muscoli, metameri, dermatomeri, miomeri, zone riflesse plantari, etc…!

 

Prolasso uro-genitale: A.F.A. al di là delle funzioni essenziali!

 

prolasso-uro genitale-incontinenza urinaria-urologia-ginecologia-chinesiologia-rieducazione motoria-pavimento pelvico-Attività Fisica Adattata-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

Oltre alla funzione essenziale, gli organi espletano un ruolo di “deposito” in cui si riversano conflitti, ferite e cicatrici dell’esistenza umana.

 

L’azione psico-fisica essenziale dell’Attività Fisica Adattata – A.F.A. – rivolge la sua attenzione a un riequilibrio della disfunzione in eccesso o in carenza.

L’approccio mira a rendere attenta la persona a reazioni fisiche automatiche. Queste rafforzano la sintomatologia e offrono strumenti per modificare atteggiamenti radicati nel corpo. Inoltre, forniscono una chiave di lettura nuova attraverso la consapevolezza del meccanismo automatico che causa la sintomatologia.

prolasso-uro genitale-incontinenza urinaria-urologia-ginecologia-chinesiologia-rieducazione motoria-pavimento pelvico-Attività Fisica Adattata-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3La sintomatologia vescicale può essere la risultante di un antico percorso che la persona attualizza per trattenere paura, rabbia e impotenza nei confronti di situazioni di spavento, di pressione psicologica, di autoritarismo, di abusi e di violenza veri e propri.

In particolare, per parecchi soggetti è difficile o impossibile imparare ad utilizzare emozioni come qualità naturali per difendersi e progredire nella vita. E ciò, soprattutto, se manipolate o minacciate in una età in cui è fortemente labile l’innesco di capacità difensive (infanzia e parte dell’adolescenza).

 

Prolasso uro-genitale: Attività Fisica Adattata – A.F.A. per migliorare l’efficienza pelvica

 

Per forza di cose, questo meccanismo restituisce delle ripercussioni sul piano fisico. Il meccanismo è collegato direttamente agli sfinteri basato sul trattenere/cedere. E’ una condizione che innesca degli automatismi che, nel lungo termine, produce sintomi, dolori e patologie.urologia-ginecologia-chinesiologia-riabilitazione-rieducazione motoria-Attività Fisica Adattata-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

Insegnare come utilizzare queste forze naturali e trasformarle in risorse del corpo (qualità) diventa l’anello risolutivo per ottenere esiti positivi nelle sintomatologie che non rispondono all’approccio classico della riabilitazione.

Attraverso l’Attività Fisica Adattata – A.F.A., l’Operatore assume una visione più ampia della persona trattata e il movimento guidato diventa strumento utile per migliorare o ristabilire la funzione perduta e migliorare la qualità della vita secondo le linee guida della Life Style Interventions.


CONTATTI

Se desidera ricevere più informazioni sull’Attività Fisica Adattata per le disfunzioni nel Prolasso uro-genitale, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

 

#prolasso #urogenitale #catania #rieducazionepelvica #ginnasticadelpavimentopelvico #efficienzapelvica #ipertono #dispareunia #urgenzaminzionale #pollachiuria #incontinenza #urinaria #riabilitazione #ginnasticapelvica #ginecologia #urologia #riabilitazionepelvica

SINDROME DELL’ OVAIO POLICISTICO-PCOS-ESERCIZIO FISICO ADATTATO-Dott. Simone Meli-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

Disturbi perineali e Attività Fisica Adattata

Disturbi perineali –  per il perineo è indicata la ginnastica pelvica quale Attività Fisica Adattata!

Prof. Dott. Carmelo Giuffrida

 

DISTURBI PERINEALI: L’incontinenza urinaria e fecale, la stipsi, il prolasso uro-genitale, il dolore perineale cronico, i disturbi sessuali, sono riassumibili nel termine di “ disturbi perineali ”. In sintesi, presentano una pesante ripercussione sulla sfera personale, emotiva e comportamentale. In ogni modo, costituiscono un importante motivo di disabilità e di handicap coinvolgente circa il 30% della popolazione femminile nazionale.

Disturbi perineali-prolasso-incontinenza-disturbi sessuali-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

A proposito della Ginnastica del pavimento pelvico: l’intuizione di Kegel!

 

Per riassumere, già negli anni ’50, il ginecologo americano, Arnold Kegel, dimostrò l’utilità di una stimolazione mio-fasciale corretta.

Infatti, sfruttando l’allenamento in feedback dei muscoli del perineo nelle donne con disfunzionalità urinaria da sforzo dimostrò come si potevano contrastare le manifestazioni di incontinenza.

 

La prevenzione dei disturbi perineali è fondamentale – per inciso, si interviene con la ginnastica del pavimento pelvico!

 

Disturbi perineali-prolasso-incontinenza-disturbi sessuali-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2Negli ultimi decenni la prevenzione nel settore è stata assai carente. Contestualmente, le aziende produttrici di pannolini hanno foraggiato, per ovvi motivi commerciali, le spinte all’acquisto di assorbenti stimolando i sistemi che ammortizzano l’effetto derivante dall’incontinenza (odori e assorbimento di urine).

Pochi soggetti, quindi, hanno offerto l’opportunità di un recupero funzionale dei muscoli pelvici attraverso l’allenamento funzionale dei distretti perineali. La società, quindi, ha acquisito una mentalità di passiva accettazione di tale fenomeno.

“Ma tanto non c’è niente da fare!”, oppure, “vista l’età…, sono espressioni che oggi non si accettano più!

Al contrario, ultimamente, viene sempre più richiesto dall’utenza femminile un recupero delle disfunzioni perineali.

Le richieste dell’uteprolasso-utero-vescica-anale-incontinenza-disturbi sessuali-intima-Prof. Carmelo Giuffrida-Catanianza sono, per lo più, rivolte alle modalità non invasive, soprattutto nel recupero dell’incontinenza urinaria.

Ginnastica pelvica per il recupero del perineo

 

 

Un trattamento intensivo di ginnastica perineale, studiato appositamente per il soggetto che necessita di una specifica Attività Fisica Adattata guidata sotto controllo specialistico, può apportare ottimi risultati e benefici. Tra l’altro, se condotta in ambiente altamente specializzato, associata ad un auto-training domiciliare si possono  mantenere i risultati con sufficiente garanzia. In queste circostanze, quindi, si consente di eliminare ed allontanare condizioni patologiche particolari. L’obiettivo educativo finalizzato del protocollo, perciò, produce esperienze positive che ne convalidano i contenuti tecnico-scientifici. Questa finalizzazione, pertanto, si riscontra in donne a rischio di disfunzione. Ne sono un esempio, le atlete, oppure le donne in gravidanza o in stato post-gravidico che presentano sintomi di disfunzione perineale, non obbligatoriamente in peri-menopausa. Pertanto, le corrette stimolazioni di A.F.A. – Attività Fisica Adattata – e la modificazione delle abitudini minzionali scorrette,  ormai, godono di ottima evidenza statistica accettata da tutte le comunità scientifiche internazionali.

prolasso-utero-vescica-anale-incontinenza-sessuali-intima-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Disturbi perineali: Come ottenere una buona funzione del perineo con la ginnastica pelvica!?

 

Per ottenere una buona funzione perineale, è indispensabile migliorare l’attività del sistema fascio-legamentoso pelvico e dei muscoli perineali (muscolo pubo-coccigeo ed elevatore dell’ano). Complessivamente, particolare attenzione va rivolta alle risposte delle innervazioni e dei visceri pelvici (vescica, utero, ano), preservandone la localizzazione e il mantenimento in sede anatomica.

Per essere breve, in ogni caso, la statica pelvica deve essere stabilizzata .

Perciò, si rende necessario potenziare la struttura di sostegno costituita da tutti i muscoli perineali. Inoltre, occorre non compromettere la struttura di sospensione, costituita dalle strutture mio-fasciali e legamentose.

Il beneficio che ne deriva riguarda anche la continenza uro-fecale, la percezione sessuale e le contratture loco-regionali tipiche (mialgia tensiva del pavimento pelvico). Dato che queste potrebbero sfociare nel dolore cronico perineale, sarà bene interessare tutte le tipologie di fibre muscolari che costituiscono la regione perineale.

 

Protocollo di ginnastica perineale per i disturbi pelvici: Gli obiettivi

 

pavimento pelvico-ginnastica pelvica-prolasso-utero-vescica-anale-incontinenza-disturbi sessuali-intima-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

Il piano di trattamento dei disturbi perineali con attività motoria, così, viene finalizzato, individualizzato e adattato alle esigenze del singolo soggetto per intensità, frequenza, durata. Gradualmente, viene incrementato nel tempo commisurandone i parametri alle capacità funzionali soggettive.

Per essere precisi, prevede un primo periodo di ambientamento e di adattamento con rapporto 1:1 con una seduta settimanale.

Una volta che si ottiene un minimo di capacità fisiche, si può optare di operare in seno a mini-gruppi di lavoro (max 3-4 persone). La cadenza bi-tri-settimanale consente di mantenere e/o ottimizzare le acquisizioni finalizzate alla prevenzione ed al potenziamento perineale. Pertanto, con questo sistema si abbattono i costi e si incrementa l’esercizio fisico specifico.

La singola seduta di ginnastica del perineo ha un tempo variabile che oscilla dai 50 ai 60 minuti di attività.

L’intero piano di trattamento del pavimento pelvico viene integrato dal piano di lavoro domiciliare con esercizi appositamente studiati e insegnati. Di conseguenza, questi vengono ripetuti autonomamente anche più volte al giorno, secondo le istruzioni impartite.pavimento pelvico-ginnastica pelvica-prolasso-utero-vescica-anale-incontinenza-disturbi sessuali-intima-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3 In fase iniziale, a tale proposito, un momento di informazione fondamentale riguarda l’ambito della prevenzione. L’indispensabile ambito del programma educativo prevede, poi, la fornitura di informazioni di base riguardanti l’anatomo-fisiologia dell’apparato vescico-sfinterico.

Gli interventi di prevenzione dei disturbi perineali non si limitano solo a potenziare i muscoli del pavimento pelvico. Piuttosto, tendono a facilitare l’apprendimento o il ri-apprendimento di gesti motori specifici per ottenere il controllo disfunzionale degli automatismi sfintero-perineali.

pavimento pelvico-ginnastica pelvica-prolasso-utero-vescica-anale-incontinenza sessuali-intima-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

Il piano di lavoro: la ginnastica pelvica nei disturbi del perineo

 

Il piano di lavoro per il recupero del pavimento pelvico prevede, complessivamente, un percorso di mantenimento nel tempo. Infatti, in tempi successivi, chi ha raggiunto gli obiettivi minimi durante il trattamento individuale può essere aggregato in un mini-gruppo.

Quindi, grazie a un percorso speciale integrato condotto in seno a un piccolo gruppo, è possibile proseguire il trattamento. Così, si può ottimizzare una adeguata coordinazione e automatismo delle funzioni perineali. Per farla breve, ciò si ottiene attraverso:

– percezione del proprio corpo;

– recupero delle limitazioni funzionali con esercizi di mobilizzazione e di stretching miofasciale;

– potenziamento funzionale dei muscoli e capacità di rilassamento;

– coordinazione neuro-muscolare e integrazione dei muscoli perineali nelle attività quotidiane che, a proposito, comportano aumento della pressione addominale per effetto di sforzi fisici;

– coordinazione dell’attività pelvica con il diaframma durante il tetra-ritmo respiratorio.

 

Ginnastica pelvica e del perineo: Criteri di esclusione dall’Attività Fisica Adattata

 

In sintesi, i criteri di esclusione a effettuare un piano di trattamento indirizzato ai disturbi del perineo per mezzo di Attività Fisica Adattata riguardano:

  • decadimento cognitivo grave;
  • condizioni cliniche acute e/o riacutizzate;
  • incapacità di deambulazione autonoma;

conseguentemente,

  • impossibilità di raggiungere autonomamente o con l’aiuto di un caregiver il luogo in cui si deve espletare la sessione di attività fisica;
  • incapacità di collaborazione individuale nel rapporto 1:1 o nella interazione con il mini-gruppo;

tutto sommato, quindi:

  • incapacità di contrarre il muscolo pubo-coccigeo;
  • presenza di inversione del comando perineale nei soggetti incapaci di “contrarre” e che “spingono” attraverso l’uso involontario dei muscoli addominali.

CONTATTI

Comunque, se desidera avere più informazioni, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com


Bibliografia nazionale in riferimento ai disturbi perineali e alla ginnastica pelvica:

 

  • Macchi C, Benvenuti F, Nucida V et al. Attività Fisica Adattata
  • Di Benedetto P., Di Silvestre A., Zampa A. Il trattamento fisioriabilitativo dell’incontinenza urinaria femminile. Eur. Med. Phys. 1987; 23:193-200
  • Di Benedetto P. Riabilitazione uro-ginecologica. Minerva Medica Ed, I ed 1995; II ed 2004
  • Dolfo E, Di Benedetto P. Chinesiterapia pelvi-perineale. Trieste, ART ed, 1993

Bibliografia straniera sui disturbi perineali e sulla ginnastica pelvica:

 

  • Smith J.H. et al. Adult conservative management. In: Abrams P., Cardozo L., Khoury S., Wein A. Incontinence Health Publications, Paris. 4th International Continence Consultation, Paris 2008, 4th Edition, 2009
  • Kegel A.H. Progressive resistance exercise in the functional restoration of the perineal muscles. Am. J. Obst. Gynecol. 1948; 56:238-49
  • Bourcier A., Juras J. Urodynamique er réadaptation en urigynécologie. Paris, Vigot Ed., 1986
  • Benvenuti F., Caputo G.M., Sandinelli S. et al. Reeducative treatment of female genuine stress incontinence. Am. J. Phys. Med. 1987; 66:155-68
Inoltre, sui disturbi disturbi perineali e pelvici
  • Bø K. Pelvic floor muscle training for stress urinary incontinence. In: Bø K. et al. Physical therapy for the pelvic floor. Churchill Livingstone Elsevier 1997; Chap 9:171-86
  • Lagro-JanssenT., van Weel C. Long-term effect of treatment of female incontinence in general practice. British Journal of General Practice 1998; 48:1735-8

In sintesi:

  • Bø K., Kwarstein B., Nygaard I. Lower urinary tract symptoms and pelvic floor muscle exercise adherence after 15 years. Obstetrics and Gynecology 2005; 105:999-1005
  • Bø K. Pelvic floor muscle training for stress urinary incontinence. In: Bø K., Berghmans B., Mørkved S., Van Kampen M. Evidence-based physical therapy for the pelvic floor. Churchill Livingstone Elsevier 2007; 171.87

Per tornare al soggetto, ulteriore bibliografia sui disturbi disturbi perineali e pelvici:

  • Di Benedetto P., Delneri C., Giorgini T., Coidessa A., Cattarossi L. Pelvic floor rehabilitation in female urinary incontinence: 10 years later. Abstract, 38th Annual Meeting of International Continence Society, Cairo, October 20-24, 2008
  • Stuart M., Benvenuti F., MacKo R., et al. Community-based adaptive physical activity program for chronic stroke: feasibility, safety, and efficacy of the Empoli model. Neurorehabil. Neural Repair, 2009;23 (7): 726-34

infine,

  • Di Benedetto P., Floris S., Coidessa A. Rationale of pelvic floor muscle training in women with urinary incontinence. Minerva Ginecol. 2008; 60:529-41

Per riassumere:

  • Di Benedetto P. Adapted Physical Activity and Urinary Incontinence. AAPMR, Abstract, Orlando 17-20 Novembre 2011

 

 

 

#disturbipelvici #pelviperineali #anali #vaginali #riabilitazioneuroginecologica #catania #sicilia #urinario #ano #incontinenza #perditediurina #attivitàfisicaadattata #pubalgia #catania #sicilia #pavimentopelvico #perineo

Coccigodinia

Coccigodinia: un dolore da lesione del coccige da controllare attraverso l’esercizio fisico ed alcuni momenti di cautela preventiva.

Prof. Carmelo Giuffrida

coccigodinia-dolore al coccige-attività fisica-adattata-esercizio fisico-osteopatia-postura-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

 

Durante le spinte evolutive, passando dall’appoggio quadrupedico all’appoggio bi-podalico, il coccige si è ridimensionato nella sua lunghezza assumendo il piccolo aspetto di forma triangolare e, articolandosi con l’ultima vertebra sacrale si compone di 3-5 corpi somatici che, ad eccezione del primo segmento, sono fusi insieme ed in grado di svolgere piccoli movimenti in senso antero-posteriore di circa 30°.

Gioca un ruolo fondamentale nell’equilibrio biomeccanico del pavimento-pelvico e della regione lombo–sacrale per gli effetti che ne derivano dalle tensioni mio fasciali che circondano questa tenso-struttura naturale in cui il coccige si trova al centro.

Una sua alterazione può essere causa di cattiva defecazione, provocare un impedimento nello svuotamento completo della vescica durante la minzione e determinare irritazioni prostatiche nell’uomo.

coccigodinia-dolore al coccige-attività fisica-adattata-esercizio fisico-osteopatia-postura-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1Le sue connessioni col sistema duramerico possono influire in maniera importante con la sfera cranica e viscerale causando, in caso di mal posizionamento, un irritazione della dura madre con turbe neuro-vegetative e vestibolari quali: nausee, vertigini, vomito, cefalee, dolori cervicali.

 

Coccigodinia- Antero-lussazione e dolore al coccige 

 

Coccigodinia è la denominazione scientifica del dolore al coccige. La causa maggiormente accreditata è da imputare a una causa meccanica in grado di determinare instabilità articolare. Questa è da imputare all’effetto di una lussazione o di un’anomalia funzionale conseguente a trauma post-parto. Può essere causata da un atterraggio violento sui glutei, come di frequente avviene negli sport da combattimento e di contatto, nello sci o nel pattinaggio. Può essere secondaria a cadute accidentali, a indebolimento delle strutture peri-articolari o, a un rapporto sessuale anale. Talvolta deriva da micro-traumi ripetuti (nel caso dei ciclisti per il continuo strofinio sulla sella o, nel caso dell’equitazione, per il continuo “cadere” sull’osso sacro del fantino).

coccigodinia-dolore al coccige-attività fisica-adattata-esercizio fisico-osteopatia-postura-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

Anatomo-fisiologicamente, il coccige che subisce l’effetto di una forza meccanica produce un anomalo incremento del suo movimento con una conseguente flogosi dei tessuti circostanti e alla risposta di instabilità patologica corrisponde una forte algia nella postura seduta.

Nelle donne la problematica ha un’incidenza maggiore. L’errata posizione anatomica del coccige durante la gestazione può conferire una scorretta dilatazione del bacino e delle sue strutture legamentose. Ne conseguono forti algie e, talvolta, la presenza di un profondo graffio sulla fronte del neonato. Durante le doglie, una eccessiva tensione dei muscoli e dei legamenti connessi al coccige può essere causa e provocarne una parziale dislocazione spaziale.

 

Dolore al coccige: meglio prevenirlo!

 

coccigodinia-dolore al coccige-attività fisica-adattata-esercizio fisico-osteopatia-postura-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-3Il metodo migliore per apprezzare l’instabilità del coccige è la radiografia in proiezione laterale e frontale del bacino.

La prevenzione e alcune cautele svolgono un ruolo importante:

  • evitare sedute rigide e prolungate,
  • evitare sellini di scooter e di biciclette;
  • utilizzare una ciambella gonfiabile di gomma per evitare il contatto diretto del sacro sulla superficie d’appoggio, da utilizzare nei periodi in cui si è costretti a star seduti per un tempo superiore alle 2 ore.

 

Coccigodinia: Test valutativi

 

coccigodinia-dolore al coccige-attività fisica-adattata-esercizio fisico-osteopatia-postura-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4Un semplice test di mobilità permette di individuare l’entità della lesione del coccige e stabilire la tecnica più semplice e meno fastidiosa da utilizzare nel successivo lavoro di riposizionamento e normalizzazione attraverso una preparazione sui legamenti e sulle strutture periferiche, in modo da rilasciarle per rendere agevoli le tecniche operative.

La tecnica di riposizionamento indiretta, esterna, più utilizzata e accettata dall’utenza, è meno risolutiva, soprattutto nelle lussazioni franche; non è invasiva poiché sfrutta l’azione dei muscoli anteriori della coscia ed il movimento di nutazione del sacro per correggere la lesione del coccige. A volte può essere sufficiente un singolo trattamento ma possono rendersi necessarie due o tre sedute per la risoluzione parziale della problematica.

 

Coccigodinia: un aiuto dall’attività fisica adattata

 

Una specifica sequenza di esercizi adattati riescono, il più delle volte, a conferire un buon controllo del bacino e, conseguentemente del sacro e del coccige. Associati all’attivazione dei muscoli adduttori e glutei, in seno ad un piano di trattamento appositamente studiato ed individualizzato, con la buona collaborazione dell’utente, riescono a determinare ottimo esito funzionale.

 

Dolore al coccige – Non sempre la tecnica di riposizionamento diretto è una soluzione!

 

La tecnica di riposizionamento diretta è invasiva e prevede la correzione per via anale (trattamento proctologico) della lesione del coccige. Spesso l’utente non è ben disposto a questa soluzione e rifiuta di effettuarla sebbene sia, il più delle volte, l’unica tecnica definitivamente risolutiva.


CONTATTI

Se desidera ricever più informazioni sulla Coccigodinia, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810  – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

 

 

 

 

#coccigodinia #dolorealcoccige #doloredaseduto #ossosacro #caduta #bacino #catania #sicilia #osteopata #eserciziperlalesionedelcoccige