Ginnastica antalgica contro il mal di schiena : un protocollo che funziona!

La ginnastica antalgica contro il mal di schiena è una particolare Attività Fisica Adattata alle esigenze del soggetto con lo scopo prioritario di controllare e modificare i comportamenti errati che producono dolori (algie) derivanti da particolari sovraccarichi meccanici o pessime ergonomie posturali.

A cosa serve la ginnastica antalgica contro il mal di schiena?

I destinatari di questa attività sono le persone che, in maniera permanente, convivono con dolori articolari. Sono le vittime del mal di schiena che subiscono gli effetti perturbatori di cattivi carichi bio-meccanici. Cioè, persone che hanno contratto effetti degenerativi dell’apparato locomotore come l’artrosi cervicale, dorsale, lombare, delle articolazioni coxo-femorali (anche) o delle spalle, ecc…

La ginnastica antalgica contro il mal di schiena mira a fornire i supporti per aiutare i soggetti che hanno carenze delle qualità fisiche di base (forza, resistenza, coordinazione, …). Insegna come correggere le posture errate per riportare il corpo ad assumere atteggiamenti corretti. Inoltre, compensa i deficit motori derivanti dalla sedentarietà e dall’ipocinesia. Infine, fornisce gli elementi utili e i contenuti per consentire all’utente di continuare i medesimi movimenti ed esercizi proposti nella training room (palestra). La ripetizione quotidiana anche presso il proprio domicilio consolida i contenuti e supporta l’efficienza motoria.

La ginnastica antalgica contro il mal di schiena fornisce la soluzione allo specifico problema di “dover essere utile” dilazionando un problema fisico che, in misura crescente e progressiva, causa seri problemi nella vita quotidiana.

Come deve essere somministrata la ginnastica antalgica contro il mal di schiena?

Singolarmente, con rapporto individualizzato, oppure, in un ridottissimo mini-gruppo!

L’attività appresa inizialmente con sedute frontali in rapporto 1:1 (One to One) prevede una continuità nel corso del tempo con l’intensificazione ravvicinata degli esercizi somministrati.

Attraverso il successivo inserimento in mini-gruppi non particolarmente numerosi (max 3-4 persone) e, con un rapporto diretto con il trainer, si favorisce il beneficio derivante dall’esercizio fisico.

Ginnastica antalgica contro il mal di schiena: Esercizio fisico contro la lombalgia!

L’esercizio fisico adattato può essere anche coadiuvato da terapie mediche e fisiche somministrate negli ambienti specializzati e più opportuni secondo le prescrizioni del proprio medico. Ciò consente di ottenere un maggior beneficio e una regressione delle problematiche invalidanti che rendono meno agevole la vita quotidiana.Ginnastica antalgica contro il mal di schiena-lombalgia-lombo sciatalgia-cervicalgia-lombare-cervicale-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-2

Pertanto, l’obiettivo della ginnastica antalgica contro il mal di schiena è quello di creare la capacità  di sfruttare il miglioramento delle qualità fisiche. Attraverso l’esercizio fisico adattato si può far riemergere la vitalità e la scioltezza. Inoltre, è possibile recuperare una migliore percezione senso-motoria col proprio corpo e riequilibrare le tensioni muscolari e nervose. Infine, si può promuovere uno buon stato di calma e di concentrazione psico-fisica.Ginnastica antalgica contro il mal di schiena-lombalgia-lombo sciatalgia-cervicalgia-lombare-cervicale-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-4

L’inserimento di giochi ed esercizi dinamici aumentano la capacità d’adattamento e di risposta nei confronti degli stress restituendo maggiore libertà motoria e scioltezza somatica da cui scaturisce una netta miglioria dei dolori fisici.


CONTATTI

Se desidera ricevere più informazioni sulla ginnastica antalgica contro il mal di schiena, avere chiarimenti su problematiche personali, se ha un problema particolare ed urgente, o se desidera avere un breve primo colloquio informativo tecnico prima di richiedere l’appuntamento per una Consulenza, avrà la possibilità di parlare con uno dei nostri specialisti dell’Esercizio Fisico semplicemente richiedendolo all’Operatore di Segreteria:

Tel.: 095/387810 – Cell.: 338/9134141

e-mail: drcarmelogiuffrida@yahoo.it oppure : info@drcarmelogiuffrida.com

Articoli

OHGA! – Intervista al Prof. Carmelo Giuffrida su Artrosi e Artrite con A.F.A.

ohga! La Testata giornalistica nazionale ohga che si occupa…
coronavirus-covid 19-immuno soppressione-attività fisica adattata - esercizio fisico-Attività Motoria Adattata-Attività Fisica-Adattata-Esercizio-Fisico-AFA-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Attività Motoria Adattata: strategie calibrate migliorano funzioni organiche

Attività Motoria Adattata: strategie calibrate per il trattamento…
Attività Fisica Adattata nelle disfunzioni del Attività Fisica Adattata nelle disfunzioni del Pavimento Pelvico e perineale

Pudendo e pavimento pelvico: aiuto dall’Attività Fisica Adattata

Algia del pudendo, Nevralgia da intrappolamento del nervo pudendo,…

Sport & Medicina – articolo relativo al libro “Il Nuoto non fa bene …”

Sport & Medicina attenziona i contenuti del libro "Il Nuoto…

Il nuoto non fa bene: ne parla Sport Senators

Il nuoto non fa bene - L'attività natatoria nella scoliosi:…

Scoliosi e Nuoto: Miti e Tabu da sfatare

Scoliosi e Nuoto: miti e tabu da sfatare -     Sul…
Cancro-attività fisica-adattata-tumore-oncologia-Prof. Dott. Carmelo Giuffrida-Catania-1

INFORTUNI NELLO SPORT: importanza della riatletizzazione

La moderna Scienza dell’Esercizio Fisico applicata alla traumatologia sportiva non può ignorare, al termine della fase riabilitativa da un infortunio e del periodo di fisioterapia, prima del ritorno incondizionato all'attività sportiva, la programmazione di un periodo di riatletizzazione per  riportare l'atleta, professionista o amatoriale, alle capacità fisiche che aveva acquisito prima dell’evento sinistroso consentendogli di allenarsi con le medesime modalità pre-infortunio e riducendo al massimo il rischio di recidive o di sovraccarico funzionale e strutturale.L’infortunio è un danno funzionale che si verifica in allenamento o durante la competizione che impedisce all’atleta di prendere parte alle attività motorie successive per un tempo limitato più o meno lungo o definitivamente.L’infortunio è un evento lesivo associato a una specifica attività motoria; si determina in un lasso di tempo ridotto associandosi ad una causa di natura più o meno violenta.
Piede cavo-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania-1

Quando lo sport fa male: La frattura da stress

Le lesioni da sovraccarico del sistema osteo-muscolo-tendineo per effetto di fenomeni micro-traumatici ripetuti nel corso del tempo si riscontrano frequentemente negli atleti. Quando ad essere interessata è la struttura ossea si può verificare la frattura da fatica o da stress. Per effetto del training l’apparato locomotore subisce degli adattamenti che, per quanto riguarda l’osso, struttura relativamente più inerte rispetto al muscolo, se fortemente sollecitato può cedere alle forze meccaniche producendo la micro-frattura.
Master Posturologia-Prof. Carmelo Giuffrida-Università di Catania-6

Posturologia Clinica e Scienze dell’Esercizio Fisico: Graduation Day

Posturologia Clinica e Scienze dell'Esercizio Fisico - Venerdì 08 Febbraio 2019, al Graduation Day tenutosi presso l'Aula Magna Torre Biologica "F. Latteri" dell'Università degli Studi di Catania è stata grande festa. Sono ben 29 i Neo-Dottori che hanno conseguito il Master di I° Livello presso l'Ateneo di Catania di cui 3 hanno discusso la loro tesi sperimentale col Prof. Carmelo Giuffrida
Nuoto correttivo e scoliosi-nuoto-correttivo-nuoto correttivo-ginnastica correttiva-scoliosi-mal di schiena-Prof. Carmelo Giuffrida-Catania

Nuoto correttivo e scoliosi

Il nuoto non può essere prescritto in presenza di scoliosi. Non si può creare l’illusione di una sua miracolistica efficacia poiché, al pari di qualsiasi altra attività sportiva, è priva di qualsiasi effetto rieducativo-compensativo.È utile chiarire il ruolo delle attività acquatiche e natatorie: queste ricoprono un ruolo di dubbia validità; purtroppo si continua a prescrivere il nuoto che è oggetto di attenzioni ingiustificate e controproducenti nel processo di normalizzazione delle alterazioni morfologico-posturali e nella rieducazione della scoliosi.